Forum di Borsa

Mercati finanziari => Discussioni di macroeconomia e sul trading => Topic aperto da: Lorenzo - Luglio 12, 2012, 11:36:59 am

Titolo: Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Luglio 12, 2012, 11:36:59 am
Altro pezzo Italiano che finisce in mani straniere.

Citazione
Valentino: acquisita da investitore del Qatar

  MILANO (MF-DJ)--Mayhoola, societa' partecipata da un primario investitore del Qatar, ha acquisito l'intera partecipazione di Valentino Fashion Group (Vfg).

  In particolare, informa una nota, il contratto e' stato firmato da Mayhoola e Red & Black Lux, societa' controllata dal Fondo Permira insieme alla famiglia Marzotto.

  Attraverso l'acquisizione di Vfg, Mayhoola acquisisce il controllo di Valentino Spa e della licenza M Missoni. L'altro marchio gestito da Vfg, ossia Mcs - Marlboro Classics, e' stato separato dal perimetro di cessione e restera' in carico a Red & Black che continua a detenere una partecipazione di maggioranza in Hugo Boss che non fa parte della transazione.

  Il Fondo Permira, insieme alla famiglia Marzotto, ha acquisito il controllo di Vfg nel 2007, nell'ambito di una piu' ampia transazione che comprendeva anche una quota di maggioranza in Hugo Boss.

  Un rappresentante di Mayhoola ha dichiarato che "Valentino e' da sempre un marchio di grande fascino e di indiscusso posizionamento. Siamo rimasti colpiti dal lavoro fatto in questi anni dai Direttori Creativi Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli e da tutto il management team guidato da Stefano Sassi. La loro capacita' di coniugare l'estetica e i valori definiti dal fondatore Valentino Garavani con una visione contemporanea e sofisticata ha reso il marchio estremamente attuale e con un grande potenziale di sviluppo. Il nostro obiettivo e' quello di supportare il management al fine di raggiungere una piena valorizzazione delle prospettive di questo magnifico marchio. Crediamo inoltre che Valentino sia la base di partenza ideale per creare una piu' ampia presenza nel settore del lusso".

  L'a.d. di Valentino, Stefano Sassi, ha mostrato grande soddisfazione per l'operazione. "Negli ultimi anni, nonostante il mercato del lusso presentasse momenti altalenanti, l'azienda ha sempre operato con grande intensita' e con un orientamento di lungo termine, finalizzato a cogliere a pieno le grandi potenzialita' del marchio. Il lavoro svolto ha portato ad una sensibile crescita del fatturato, pari a circa il 60% tra 2009 e 2012. L'attuale positiva evoluzione di Valentino potra' essere ulteriormente accelerata con il contributo del nuovo azionista. Colgo l'occasione per ringraziare Permira e la famiglia Marzotto che hanno supportato il management team permettendogli di realizzare importanti passi nella direzione dello sviluppo".

  Valentino ha chiuso i 1* semestre con un fatturato in crescita del 23% rispetto ai primi sei mesi del 2011.

  Consulenti dell'operazione sono stati Perella Weinberg Partners (M&A advisor per il compratore), Mediobanca e UniCredit (M&A advisor per il venditore), Citigroup Global Markets Limited (M&A advisor per VFG), Chiomenti (advisor legale per il compratore), Bonelli Erede e Pappalardo e Freshfields Bruckhaus Deringer (advisor legale per il venditore), Linklaters (advisor legale per VFG), Bain & Co. (advisor industriale per il compratore) e Pwc e Kpmg (advisor contabili). com/alb alberto.chimenti@mfdowjones.it

  (END) Dow Jones Newswires

  July 12, 2012 05:31 ET (09:31 GMT)



Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 12, 2013, 08:49:13 am
Mi aggancio a questa discussione...


Citazione
Italia: Emiri sbarcano a Milano a caccia d'affari (MF)

  MILANO (MF-DJ)--L'obiettivo e' promuovere operazioni crossborder e transazioni commerciali. I protagonisti saranno il fondo arabo Mubadala, ormai esperto di investimenti in Italia (Ferrari, Piaggio Aero, Poltrona Frau), la compagnia petrolifera di Abu Dhabi Adnoc e rappresentanti dei ministeri dell'Economia e del Commercio degli Emirati Arabi.

  Inoltre, scrive MF, sbarcheranno in Italia anche esponenti delle free zone di espansione industriale e commerciale di Abu Dhabi e Dubai. Gran cerimoniere dell'iniziativa sara' lo studio legale Gianni Origoni Grippo (Gop), il primo italiano ad aver aperto una sede ad Abu Dhabi, che ha organizzato due incontri di business a Milano (il 20 febbraio) e uno a Padova (il 18 febbraio). Di sicuro le opportunita' non mancano, come dimostra per esempio l'exploit del Qatar, che in pochi mesi ha messo a segno una serie di operazioni da prima pagina in alcuni dei principali settori del made in Italy, dalla moda al turismo.

  Lo sceicco Al Thani e' riuscito a conquistare la maison Valentino, soffiandola al tandem Fsi-Zegna, dopo aver annunciato una maxi-operazione immobiliare, con un investimento da 1 miliardo, in Costa Smeralda. Dopodiche', solo poche settimane fa, ha siglato un accordo di joint venture, tramite la Qatar Holding, con il Fondo Strategico della Cassa Depositi e Prestiti per investire nei settori chiave del made in Italy. Quest'ultima iniziativa sarebbe partita su spinta degli italiani, che sarebbero riusciti a coinvolgere i qatarini facendo perno sull'operativita' immediata che avrebbe potuto avere la jv, iniziando subito a investire nelle aziende gia' nella pipeline di Fsi. red/bca

  (END) Dow Jones Newswires

  February 12, 2013 02:33 ET (07:33 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Ottobre 15, 2013, 04:54:02 pm
Anche l'Inter e' stata venduta all'estero...ormai e' rimasta solo la Ferrari, Barilla e Perugina.

Poi, rimarranno solo i politici aggrappati alle loro poltrone a cercare di sfilare altri soldi al popolo italiano anziche' creare un ambiente favorevole allo sviluppo economico.  ):I


Citazione
L'Inter agli indonesiani, stavolta è fatta

"Abbiamo firmato con Thohir, tra breve ci sarà il comunicato''. Lo ha detto Massimo Moratti all'ingresso della Saras. L'Inter è così passata alla proprietà indonesiana, che ha acquistato il 70% della società.  ''Rimanere presidente? Ancora non lo so'', ha aggiunto Moratti.  Intanto continua il rally delle società calcistiche: Juventus +18,2%, A.S: Roma +18,6%.

"La storia dei Moratti nell'Inter continua", ha detto Massimo riferendosi al restante 30% di cui resta proprietario, "perché rimango nella societa, vediamo se posso essere utile. in questo momento ci sono mille sentimenti, ma è soprattutto un momento di attenzione, faremo di tutto perché la società ne abbia un vantaggio. L'importante è fare bene questa cosa, poi qualcun altro dovrà dimostrare anche lui di essere bravo".
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: lalla32 - Ottobre 15, 2013, 05:01:50 pm
perugina già andata da un po...   ;) ):I
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: alcess - Ottobre 15, 2013, 05:52:40 pm
anche la Barilla ci sono voci che sta andando....
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 12, 2014, 09:16:43 am
Finanza: 63 gruppi stranieri alll'Ibac; anche fondi Emirati

  ROMA (MF-DJ)--Sono 63 i gruppi stranieri intervenuti all'Ibac Italy 2014 (International Business Advisory Council) che si e' svolto al Ministero degli Esteri, su un totale di 107 soggetti coinvolti.

  Tra i gruppi accolti dal premier Enrico Letta e dal ministro degli Esteri, Emma Bonino, figurano anche Fondi di investimento quali Emirates Advanced Investment Group, China Investment Corporation e Russian Direct Investment Fund. Tra i gruppi di investimento anche l'arabo Senaat e il cinese Sasseur Group. gug/pev guglielmo.valia@mfdowjones.it

  (END) Dow Jones Newswires

  January 10, 2014 11:01 ET (16:01 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 28, 2014, 03:17:22 pm
Furbi pure quelli che si erano pappati Ducati...


Citazione
Ducati: chiude 2013 con nuovi record di vendita

    BORGO PANIGALE (MF-DJ)--Ducati Motor Holding, casa motociclistica bolognese del gruppo Audi, ha chiuso il 2013 con un nuovo record di vendite a livello globale.

    "Siamo particolarmente orgogliosi e soddisfatti del 2013", ha commentato in una nota l'amministratore delegato Claudio Domenicali. "Malgrado l'incertezza del mercato, in particolare nei paesi del Sud Europa, Ducati ha conseguito risultati positivi, confermando la forza dei nostri prodotti e l'apprezzamento e la stima per il nostro marchio. Per il secondo anno consecutivo abbiamo fatto registrare risultati record, con oltre 44.000 moto vendute, merito anche dell'introduzione di nuovi modelli come l'Hypermotard e la 899 Panigale".

    "Il risultato 2013 - prosegue Domenicali - conferma anche il positivo trend che le nostre vendite stanno registrando in mercati emergenti come l'Asia, dove sono state vendute 5.200 moto, con una crescita pari al 26% rispetto al 2012 e il Brasile, dove Ducati commercializza direttamente solo dal secondo semestre 2013 e dove in sei mesi sono state vendute 700 moto. Gli Stati Uniti continuano ad essere il nostro primo mercato, con una quota pari al 24% delle nostre vendite, seguiti da Italia, con l'11,3% e Germania, con il 10,7%. Il continuo sviluppo della gamma e la crescita dei nuovi mercati ci rendono fiduciosi che anche il 2014 sarà un anno positivo per la nostra azienda. Questi risultati ci consentono di proseguire nel nostro impegnativo piano di sviluppo nuovi prodotti. Coerentemente con l'impostazione del nostro azionista, il Gruppo Audi, la continua innovazione tecnologica e di design rappresenta il caposaldo della nostra strategia industriale".

    Ducati vanta oggi in totale 1.281 dipendenti, contro i 1.198 del 2012, con 83 nuove assunzioni avvenute lo scorso anno. Con una rete commerciale di 817 concessionari in 88 paesi, le consegne ai clienti sono cresciute fino a raggiungere quota 44.287 unità, superando il record assoluto del 2012, che aveva visto 44.102 moto vendute. La distribuzione delle vendite è ben bilanciata nel mondo: il 51% resta in Europa, il 24% in Nord America e il restante 25% in Asia e Sud America.

    L'arrivo delle nuove proposte 2014, come il nuovo Monster 1.200 (da pochi giorni disponibile presso i concessionari) e la 1199 Superleggera,  prodotta in soli 500 esemplari numerati, di cui il 90% già venduto ancora prima della presentazione ufficiale ad Eicma, permettono a Ducati di guardare con fiducia e ottimismo al futuro.

  com/mur

  rosario.murgida@mfdowjones.it

  (END) Dow Jones Newswires

  February 28, 2014 08:55 ET (13:55 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Marzo 06, 2014, 03:48:34 pm
Citazione
Calcio: no comment Lazard su mandato Milan per cessione (Class-Cnbc)

    MILANO (MF-DJ)--Lazard non commenta la notizia del mandato che avrebbe ricevuto dall'A.C.Milan per cercare possibili acquirenti.

    E' quanto ha riferito a Class-Cnbc (tv del gruppo Class E. che assieme a DowJones & Co. controlla quest'agenzia) un portavoce della casa d'affari statunitense, aggiungendo che la società si attiene "a quanto espresso da Fininvest".

  red/ofb

  (END) Dow Jones Newswires

  March 06, 2014 09:47 ET (14:47 GMT)


La prendo come conferma che il Milan e' in vendita.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Marzo 13, 2014, 12:01:35 pm
Citazione
Investindustrial: partnership con Ferrari per parco a tema in Spagna

    MILANO (MF-DJ)--PortAventura Entertainment, azienda spagnola controllata da Investindustrial, ha raggiunto un accordo di licenza con Ferrari (gruppo Fiat) per realizzare Ferrari Land, un nuovo parco tematico dedicato al Cavallino Rampante all'interno del resort e parco divertimenti PortAventura, nei pressi di Barcellona.

    Lo si apprende da una nota dove si spiega che la nuova area targata Ferrari, la cui apertura è prevista nel corso del 2016, prevede un investimento totale di oltre 100 milioni di euro. Ferrari Land si estenderà su 75.000 metri quadrati e comprenderà diverse attrazioni per gli appassionati del marchio. Una delle novità sarà la nascita del primo hotel a tema Ferrari, un albergo di lusso a 5 stelle con 250 stanze, ristoranti e simulatori di guida situato all'interno di PortAventura.

    La partnership fra Ferrari e PortAventura permetterà alla società spagnola di migliorare ulteriormente la propria leadership tra i destination resort in Europa. PortAventura ospita ogni anno circa 4 milioni di persone, di cui quasi il 50% provenienti dall'estero.

    Dall'acquisizione di PortAventura da parte di Investindustrial, avvenuta nel 2009, il nuovo management ha implementato con successo un business plan concepito con logiche industriali che ha consentito a PortAventura di diventare il secondo destination resort in Europa tramite nuovi investimenti per un ammontare complessivo di 125 milioni di euro in 4 anni. Dal 2009 sono stati realizzati una nuova area per bambini (SésamoAventura), le montagne russe più alte d'Europa (Shambhala) e un nuovo parco acquatico (Costa Caribe).

  com/mur

  rosario.murgida@mfdowjones.it

  (END) Dow Jones Newswires

  March 13, 2014 06:59 ET (10:59 GMT)



non lo fate in Italia eh...i soldi dei turisti avrebbero dato fastidio...  ):I
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Settembre 08, 2014, 09:23:26 am
Ferrari: Montezemolo, la faranno diventare americana (CorSera)

    ROMA (MF-DJ)--"E' la fine di un'epoca, la verità è che così la Ferrari diventerà americana". Questo lo sfogo raccolto dal Corriere della Sera di Luca Cordero di Montezemolo, presidente Ferrari sfiduciato dall'a.d. di Fiat, Sergio Marchionne. "Questo - avrebbe detto Montezemolo - è stato l'anno dei record, siamo il marchio più forte del mondo".

    Montezemolo avrebbe poi definito "ingenerose" le accuse rivolte da Marchionne alla Ferrari di non vincere dal 2008. Intanto giovedì il Cda Ferrari si riunirà per discutere i conti semestrali.

  red/zap

  (END) Dow Jones Newswires

  September 08, 2014 03:21 ET (07:21 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Settembre 10, 2014, 12:09:48 pm
Citazione
Ferrari: Montezemolo lascia presidenza su sua richiesta

  (END) Dow Jones Newswires

  September 10, 2014 02:39 ET (06:39 GMT)


 ::) vedo nubi nere all'orizzonte...pure la Ferrari a rischio di finire in mani americane  :(
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Settembre 10, 2014, 03:44:36 pm
Ferrari: Marchionne, non ci sarà Ipo

    MARANELLO (MF-DJ)--"L'Ipo di Ferrari non è esclusa nè inclusa: semplicemente non c'è".

    Lo ha affermato l'amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne nel corso della conferenza stampa congiunta con Luca Cordero di Montezemolo in occasione dell'annuncio delle dimissioni da presidente del Cavallino di quest'ultimo, ribadendo che "la quotazione di Ferrari non è in agenda".

  glm

  (END) Dow Jones Newswires

  September 10, 2014 09:37 ET (13:37 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Settembre 17, 2014, 11:43:38 am
Citazione
Italia: Renzi, le multinazionali sono le benvenute

    SETTIMO TORINESE (MF-DJ)--"In Italia le multinazionali sono le benvenute non perchè abbassiamo i salari".

    Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante il suo intervento in occasione dell'inaugurazione dello stabilimento della L'Oreal a Settimo Torinese, aggiungendo che "dobbiamo ridurre il costo del lavoro e il peso della burocrazia ma non ridurre i salari".

    "L'Italia ha voglia di investire sul domani", ha concluso Renzi.

  lab/als

  (END) Dow Jones Newswires

  September 17, 2014 05:30 ET (09:30 GMT)


Citazione
Italia: Renzi, globalizzazione non è nemica ma amica del Paese

    SETTIMO TORINESE (MF-DJ)--"La globalizzazione non è nemica dell'Italia ma è amica".

    Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a margine dell'inaugurazione dello stabilimento della multinazionale francese della cosmetica L'Oreal a Settimo Torinese.

    "L'Italia è aperta alle multinazionali perchè vuole continuare ad attrarre investimenti. È fondamentale far coesistere le pmi e le multinazionali", ha aggiunto Renzi.

  lab/als

  (END) Dow Jones Newswires

  September 17, 2014 05:41 ET (09:41 GMT)


Signor Renzi, le multinazionali vanno dove le tasse sono minori ed i consumi crescono, non dove le tasse soffocano i consumi.

Le consiglio di cominciare a ridurre le tasse ed in fretta pure, se vuole salvare l'Italia.

Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Settembre 17, 2014, 02:54:56 pm
Pmi: Confesercenti, liberalizzazione commercio ha ridotto concorrenza

    ROMA (MF-DJ)--Il decreto Salva Italia, che ha introdotto la liberalizzazione degli orari per le attività commerciali, "non ha tenuto in alcun conto le conseguenze per le piccole e medie imprese del commercio, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti e che l'Autorità Garante avrebbe dovuto invece richiamare". Nei due anni di applicazione della norma (2012-2014), infatti, il bilancio tra aperture e chiusure nel commercio al dettaglio in sede fissa è negativo per oltre 56.000 unità, di cui 6.600 nel solo comparto alimentare. E le nuove imprese del commercio hanno vita sempre più breve: a giugno 2014 oltre il 40% delle attività aperte nel 2010 - circa 27.000 imprese - è già sparito, bruciando un capitale di investimenti di circa 2,7 miliardi di euro. Un'impresa su quattro dura addirittura meno di tre anni.

    Lo scrive il segretario generale di Confesercenti, Mauro Bussoni, in una lettera indirizzata al presidente dell'Autorità Garante della concorrenza e del mercato Giovanni Pitruzzella e al Presidente della Commissione Attività Produttive della Camera Guglielmo Epifani.

    "La liberalizzazione delle aperture e degli orari - scrive il segretario Confesercenti - non ha comportato una crescita del settore e, pur a fronte di una modificazione delle abitudini al consumo, non si è registrata una crescita dello stesso che, anzi, continua a diminuire: in due anni abbiamo perduto 40 miliardi di spesa delle famiglie. Viceversa, abbiamo assistito a un ulteriore peggioramento della vita delle piccole e micro imprese commerciali e a un peggioramento delle condizioni dei lavoratori dipendenti senza che tutto questo abbia però determinato una crescita dell'occupazione stessa: tra il 2012 e il 2013, in un solo anno, il commercio ha perso 100.000 posti di lavoro, cui vanno aggiunti i lavoratori autonomi che hanno perduto l'impresa e, con essa, la propria occupazione".

  com/rov

  (END) Dow Jones Newswires

  September 17, 2014 08:51 ET (12:51 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Settembre 21, 2014, 05:25:31 pm
 ::)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Dicembre 07, 2014, 04:42:03 pm
e pure il Parma e' andato...

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2014/12/07/parma-ceduto-a-cordata-russo-cipriota_a4dd29c4-1680-4dde-82cf-192f2e90ddbc.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Dicembre 09, 2014, 08:31:11 am
 :-X...adesso pure l'ATAC ::)


Citazione
Atac: i cinesi trattano per rilevarla (MF)

    MILANO (MF-DJ)--"Siamo in trattative con partner cinesi che sono interessati anche al perimetro industriale di Atac".

    Così, scrive MF, l'assessore alla Mobilità di Roma, Guido Improta, all'inaugurazione del servizio di navette elettriche messe a disposizione dal gruppo Bolloré.

    Il gruppo cinese interessato è King Lion, gruppo specializzato nella produzione e vendita di autobus di medie e grandi dimensioni. Tuttavia, bisogna ancora capire se le trattative sono circoscritte all'acquisto di nuovi mezzi o a un coinvolgimento diretto in Atac.

  red/cas

  (END) Dow Jones Newswires

  December 09, 2014 02:26 ET (07:26 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: alex66 - Dicembre 09, 2014, 08:33:37 am
Siamo allo sfacelo completo che tristezza   >:( 
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Dicembre 09, 2014, 06:20:52 pm
Siamo allo sfacelo completo che tristezza   >:(


Purtroppo e' solo l'inizio. Quello che accadra' nei prossimi 20-30 anni sara' molto piu' triste, a meno che i Paesi dell'Euro non tornano alle loro monete, le svalutano e diminuiscono le tasse.

E' un vero peccato che nessuno dei governanti europei si renda conto del tunnel senza uscita in cui si stanno sforzando di andare avanti.

:(
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Dicembre 09, 2014, 06:27:00 pm
http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2014/12/09/litalia-attrae-sempre-meno-immigrati-e-anche-gli-italiani-scappano-dal-paese_1f31edd9-bf90-4237-848e-e6a7ec99a55d.html

Citazione

L'Italia attrae meno gli immigrati e anche gli italiani sono 'in fuga' dal proprio Paese. E' quanto emerge da un rapporto dell'Istat.

GIU' GLI ARRIVI DALL'ESTERO - Nel 2013 gli arrivi dall'estero sono stati 307 mila: 43 mila in meno rispetto all'anno precedente (-12,3%). E' quanto emerge dall'ultimo report dell'Istat sulle migrazioni internazionali e interne della popolazione residente. Sebbene in calo rispetto agli anni precedenti, l'Italia rimane, tuttavia, meta di consistenti flussi migratori dall'estero. La comunità straniera più rappresentata tra gli immigrati è quella rumena che conta 58 mila iscrizioni. Seguono le comunità del Marocco (20 mila), della Cina (17 mila) e dell'Ucraina (13 mila). Gli italiani di rientro dall'estero sono 28 mila, mille in meno rispetto al 2012.

VIA DALL'ITALIA - Italiani "in fuga" dal proprio Paese, mai così tanti. Se il numero di cittadini stranieri che lasciano l'Italia è in aumento rispetto all'anno precedente (+14,2%), ancora più marcato è l'incremento dei connazionali che decidono di trasferirsi in un Paese estero. Il numero di emigrati italiani è pari a 82 mila unità, il più alto degli ultimi dieci anni, in crescita del 20,7% rispetto al 2012. Migrano soprattutto le persone tra i 20 e i 45 anni e il Regno Unito è la meta preferita dei laureati.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Par - Dicembre 09, 2014, 07:28:40 pm
Siamo allo sfacelo completo che tristezza   >:(


Purtroppo e' solo l'inizio. Quello che accadra' nei prossimi 20-30 anni sara' molto piu' triste, a meno che i Paesi dell'Euro non tornano alle loro monete, le svalutano e diminuiscono le tasse.

E' un vero peccato che nessuno dei governanti europei si renda conto del tunnel senza uscita in cui si stanno sforzando di andare avanti.

:(

Ma la cosa più assurda è che i media continuano a paventare i famigerati fire sales in caso di uscita dall'euro e ritorno ad  una valuta nazionale (a liretta. .) Come se adesso con l'eurone forte e stabile non sta avvendo esattamente quello!!
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: johnny_0 - Dicembre 10, 2014, 02:54:43 pm
Concordo. Alla guida del ns paese ci sono solo dei "gnorsì" senza esperienza pratica (Monti è successivi sono una prova vivente) ed idee innovative. Si limitano a seguire la corrente dettata dai paesi piu' forti del nord europa.

Nel ns paese manca quella coesione sociale che permetterebbe di cambiare davvero le cose. Finchè si rimane nell'unione le variabili a ns disposizione per migliorare la situazioni sono le solite. Quindi inesistenti e comunque mirano solo al  prosciugamento del risparmio privato (leggasi tasse). Quindi l'unica via di uscita è abbandonare fisicamente il paese, come in effetti molti stanno facendo.

Per poter fare ciò che deve essere fatto occorrono persone capaci di tutti i colori politici che abbiamo però lo stesso obbiettivo da perseguire. Quindi allo stato attuale è impossibile uscire dall'euro e la situazione non potrà che peggiorare.

Per come la vedo io forse l'unico paese che potrebbe dare una svolta se la loro situazione economica dovrebbe deteriorarsi rapidamente è la Francia.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Dicembre 10, 2014, 03:11:00 pm

Nel ns paese manca quella coesione sociale che permetterebbe di cambiare davvero le cose.

Purtroppo in Italia mancano molte altre cose.

Le poche persone che hanno provato a cambiarla sono state ammazzate in un modo o nell'altro.

I + giovani ovviamente non ricorderanno la storia di chi Eni l'ha creata ed era arrivato a minacciare perfino gli USA, facendo riscoprire agli italiani anche un sano spirito patriottico:

http://it.wikipedia.org/wiki/Enrico_Mattei

Fatto fuori con il tritolo.

Borsellino e Falcone? Simile sorte.

Il problema dell'Italia e' molto + complesso e non si limita ai soli dati economici.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: johnny_0 - Dicembre 10, 2014, 03:18:46 pm
Certamente ma per poter fare le cose che servono serve un paese unito dove tutti tirano dalla stessa parte e che capisca che l'uscita dall'euro è l'unica soluzione auspicabile. Infatti non è un solo problema di gestione di variabili economiche. La coesione sociale che serve al paese  è impossibile da ottenere, dati i mille interessi della classe dirigente e dalla disomogeneità culturale, sociale, ideologica, ecc. delle persone che compongono l'Italia.

Finchè una parte urla che uscire dall'euro e un sacrilegio, che ci sarebbe una svalutazione, che bla bla bla non si potrà fare niente lasciando il paese ad un sempre piu' rapido declino. Ci dovrebbe essere una di base del paese, una sorta di zoccolo duro pronto ad affrontare un, probabilmente lungo,  periodo di forte instabilità (politica, economica, finanziaria, ecc.) necessario per poter uscire dal questo pantano chiamato euro.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Dicembre 10, 2014, 03:28:46 pm
Certamente ma per poter fare le cose che servono serve un paese unito dove tutti tirano dalla stessa parte e che capisca che l'uscita dall'euro è l'unica soluzione auspicabile. Infatti non è un solo problema di gestione di variabili economiche. La coesione sociale che serve al paese  è impossibile da ottenere, dati i mille interessi della classe dirigente e dalla disomogeneità culturale, sociale, ideologica, ecc. delle persone che compongono l'Italia.

Finchè una parte urla che uscire dall'euro e un sacrilegio, che ci sarebbe una svalutazione, che bla bla bla non si potrà fare niente lasciando il paese ad un sempre piu' rapido declino. Ci dovrebbe essere una di base del paese, una sorta di zoccolo duro pronto ad affrontare un, probabilmente lungo,  periodo di forte instabilità (politica, economica, finanziaria, ecc.) necessario per poter uscire dal questo pantano chiamato euro.


Esatto.

Purtroppo la svalutazione rapida, nel lungo termine, sarebbe la medicina migliore anziche' continuare a rimanere in coma e morire (economicamente parlando) fra vent'anni.

Ma non esistono politici con una visione a lungo termine, non sono mai esistiti perche' loro si preoccupano solo del proprio posto di lavoro, poi se il Paese sara' ridotto ad un fantasma fra vent'anni, ai politici attuali poco importa, tanto nel frattempo si saranno garantiti le pensioni d'oro anticipate.

Riguardo l'UE, l'idea era bella, anche se molto difficile da portare avanti, considerando le tante differenze tra i vari popoli europei, ma secondo me hanno sottovalutato gli effetti della globalizzazione perche' vent'anni fa' la rete internet era appena nata ed ora vogliono andare avanti con l'Europa unita a costo di far fare la fame ad un'intera generazione o forse anche due, prima che il costo del lavoro delle economie emergenti si avvicini a quello dei Paesi dell'UE.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Par - Dicembre 10, 2014, 05:34:54 pm
Certamente ma per poter fare le cose che servono serve un paese unito dove tutti tirano dalla stessa parte e che capisca che l'uscita dall'euro è l'unica soluzione auspicabile. Infatti non è un solo problema di gestione di variabili economiche. La coesione sociale che serve al paese  è impossibile da ottenere, dati i mille interessi della classe dirigente e dalla disomogeneità culturale, sociale, ideologica, ecc. delle persone che compongono l'Italia.

Finchè una parte urla che uscire dall'euro e un sacrilegio, che ci sarebbe una svalutazione, che bla bla bla non si potrà fare niente lasciando il paese ad un sempre piu' rapido declino. Ci dovrebbe essere una di base del paese, una sorta di zoccolo duro pronto ad affrontare un, probabilmente lungo,  periodo di forte instabilità (politica, economica, finanziaria, ecc.) necessario per poter uscire dal questo pantano chiamato euro.

Ci penseranno i mercati a far finire questa follia...
L'ipotesi ideale sarebbe un presa di coscienza dei vari Paesi e una segmentazione controllata della zona euro... l'ipotesi più probabile invece sarà un liberi tutti imposto dai mercati che potrà avere effetti anche spiacevoli per alcuni.
Ma bisogna farlo.. è l'unica via per ripartire. Il resto (eurobond, europa stato unico, bce come la fed..) sono solo chiacchiere..


Esatto.

Purtroppo la svalutazione rapida, nel lungo termine, sarebbe la medicina migliore anziche' continuare a rimanere in coma e morire (economicamente parlando) fra vent'anni.

Ma non esistono politici con una visione a lungo termine, non sono mai esistiti perche' loro si preoccupano solo del proprio posto di lavoro, poi se il Paese sara' ridotto ad un fantasma fra vent'anni, ai politici attuali poco importa, tanto nel frattempo si saranno garantiti le pensioni d'oro anticipate.

Riguardo l'UE, l'idea era bella, anche se molto difficile da portare avanti, considerando le tante differenze tra i vari popoli europei, ma secondo me hanno sottovalutato gli effetti della globalizzazione perche' vent'anni fa' la rete internet era appena nata ed ora vogliono andare avanti con l'Europa unita a costo di far fare la fame ad un'intera generazione o forse anche due, prima che il costo del lavoro delle economie emergenti si avvicini a quello dei Paesi dell'UE.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Sale - Dicembre 10, 2014, 08:06:04 pm
Ed io che vorrei provarci...a cambiare l'Italia dico...mettere su un'attività in Italia, pagare i dipendenti seriamente (non 1000€ al mese), dare l'esempio. Ancora non posso, ma vorrei provarci.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Leonets - Dicembre 11, 2014, 09:53:06 am
Non facciamo troppo i catastrofisti

Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: alex66 - Dicembre 11, 2014, 10:33:29 am
Se questo è l'elenco dei possibili presidenti io non sarei cosi allegro...... ):I ):I ):I ):I
http://www.ansa.it/sito/photogallery/primopiano/2014/12/10/quirinale-i-bookmaker-lanciano-prodi-segue-rodota_abff944f-e80b-41e1-84c0-80ea204ce50e.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 06, 2015, 09:20:34 am
Meridiana: Qatar Airways punta al 20% (Mess)

    ROMA (MF-DJ)--Qatar Airways torna alla carica su Meridiana e punta al 20%. Lo scrive Il Messaggero ricordando che l'interesse di Qatar Airways risale allo scorso inverno, ma ora -dopo l'accordo sugli esodi volontari- la pista diventa più concreta e quindi la compagnia aerea del Qatar è pronta a proseguire il negoziato per la fase due della vertenza.

    Non ci sono conferme da parte del vettore sardo, ancora alle prese con le procedure per il licenziamento collettivo. È attesa per il prossimo 9 gennaio, prosegue il giornale, una convocazione al Ministero dello Sviluppo economico per un ennesimo incontro sul residuo personale in esubero.

  red/vs

  (END) Dow Jones Newswires

  January 06, 2015 02:54 ET (07:54 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: axel73 - Gennaio 06, 2015, 10:15:41 am
Spero di non violare regole ma questa mi ha proprio colpito!

http://www.cinesichecomprano.com/index.php?option=com_content&view=featured&Itemid=129

..... hanno voglia di lavorare e di intraprendere... in Italia!!!

a noi che l´italiano lo capiamo bene tutto cio´ ora manca?
gli ultimi 30 anni ci hanno ridotto a molluschi?
....
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 21, 2015, 09:50:11 am
Citazione
DAVOS: Renzi, per 1* volta Alitalia non in mano a politica (Class-Cnbc)

    MILANO (MF-DJ)--"Oggi ci sono molte società in Italia che hanno cambiato la loro proprietà. Per la prima volta Alitalia non è in mano ai soliti politici o dei partiti".

    Lo ha affermato il premier Matteo Renzi, in una intervista andata in

  onda su Class-Cnbc (televisione del gruppo Class E. che insieme a Dowjones & Co. controlla questa agenzia), aggiungendo che ora Alitalia "è nelle mani di Etihad che è un marchio internazionale, importante di Abu Dhabi".

    "Per la prima volta", prosegue il presidente del Consiglio, "ci sono molti investimenti non solo americani ma anche da molte parti del mondo e questo è importante. Penso alla Cina, all'America Centrale. Credo nel futuro dell'Italia come un Paese aperto, un Paese che non funziona con il vecchio stile della società dei vecchi amici. Questa epoca è finita".

  lab

  (END) Dow Jones Newswires

  January 21, 2015 03:47 ET (08:47 GMT)


Praticamente un Paese in vendita!  Siamo sicuri che si rende conto di cosa sta' facendo? :-\

Non vorrei che si mettesse a vendere pure Finmeccanica ed Eni ai cinesi  :o
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Par - Gennaio 21, 2015, 10:41:33 am
Citazione
DAVOS: Renzi, per 1* volta Alitalia non in mano a politica (Class-Cnbc)

    MILANO (MF-DJ)--"Oggi ci sono molte società in Italia che hanno cambiato la loro proprietà. Per la prima volta Alitalia non è in mano ai soliti politici o dei partiti".

    Lo ha affermato il premier Matteo Renzi, in una intervista andata in

  onda su Class-Cnbc (televisione del gruppo Class E. che insieme a Dowjones & Co. controlla questa agenzia), aggiungendo che ora Alitalia "è nelle mani di Etihad che è un marchio internazionale, importante di Abu Dhabi".

    "Per la prima volta", prosegue il presidente del Consiglio, "ci sono molti investimenti non solo americani ma anche da molte parti del mondo e questo è importante. Penso alla Cina, all'America Centrale. Credo nel futuro dell'Italia come un Paese aperto, un Paese che non funziona con il vecchio stile della società dei vecchi amici. Questa epoca è finita".

  lab

  (END) Dow Jones Newswires

  January 21, 2015 03:47 ET (08:47 GMT)


Praticamente un Paese in vendita!  Siamo sicuri che si rende conto di cosa sta' facendo? :-\

Non vorrei che si mettesse a vendere pure Finmeccanica ed Eni ai cinesi  :o

Che tristezza....
Se sa quello che dice sa di fare il male del Paese..se non lo sa è un incompetente...

Non so se è peggio cattiva fede o incompetenza...
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 21, 2015, 10:48:19 am

Che tristezza....
Se sa quello che dice sa di fare il male del Paese..se non lo sa è un incompetente...

Non so se è peggio cattiva fede o incompetenza...


E' un peccato pero' perche' secondo me Renzi non e' cattivo, qualcosa di buono (vedi riforma sulle popolari) sta' facendo, solo che e' circondato da incompetenti, lui non puo' sapere tutto, dovrebbe assumere qualche ottimo economista e licenziare alcuni politici.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Marzo 22, 2015, 07:29:08 pm
E pure Pirelli e' andata.

Questi non si stanno rendendo conto di cosa sta' accadendo e di cosa accadra' in futuro.  ):I
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Marzo 25, 2015, 12:00:17 pm
 ):I

Citazione
Giochi Preziosi: cinesi puntano 30 mln per 35% (Stampa)

    ROMA (MF-DJ)--La Cina si avvicina a un altro gruppo italiano: Giochi

  Preziosi. Michael Lee, una conglomerata cinese di Taiwan con affari che

  spaziano dai giocattoli alle gemme preziose, metterà sul piatto circa 30

  mln per entrare, attraverso un aumento di capitale nella Giochi Preziosi,

  con circa il 35%.

    Lo scrive La Stampa spiegando che secondo fonti finanziarie l'operazione

  che aveva subito una battuta d'arresto all'inizio di marzo, dovrebbe

  ricevere il via libera dei soci e delle banche nel giro di una decina di

  giorni, prima di Pasqua.

    La Fingiochi, la holding di Enrico Preziosi, patron del Genoa, avrà il

  51% del polo della produzione dei giocattoli, tra cui i famosi "Gormiti".

  L'aumento di capitale dovrebbe essere sottoscritto anche da Intesa

  Sanpaolo e IdeA Capital Funds (gruppo De Agostini) che insieme arriveranno

  ad avere una partecipazione intorno al 14%. Mentre il fondo Clessidra

  dovrebbe uscire del tutto.

    L'ingresso di un nuovo socio si è reso indispensabile per Preziosi che

  deve fare i conti con un debito di circa 270 mln. All'inizio di marzo le

  12 banche creditrici, guidate da Bnp Paribas, avevano messo una serie di

  paletti e mosso qualche resistenza al piano di riassetto della Giochi

  Preziosi. Ora gli ultimi nodi sembrano sciolti e le banche (tra cui Intesa

  Sanpaolo, Unicredit e B.Carige) sarebbero pronte a dire sì all'operazione.

  Michael Lee diventerà socio tramite il veicolo Oceanic Gold Global.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  March 25, 2015 04:07 ET (08:07 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Marzo 25, 2015, 12:31:07 pm
Ma una volta che sti cinesi si saranno comprati il MONDO, cosa faranno?
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Marzo 25, 2015, 12:40:08 pm
Ma una volta che sti cinesi si saranno comprati il MONDO, cosa faranno?

Hai presente cosa facevano gli antichi romani con i prigionieri?
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Marzo 25, 2015, 12:44:55 pm
Ma una volta che sti cinesi si saranno comprati il MONDO, cosa faranno?

Hai presente cosa facevano gli antichi romani con i prigionieri?

Allora facci guadagnare un sacco di soldi che ci trasferiamo su Marte, finche non si comprano pure quello...
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Marzo 25, 2015, 12:49:40 pm
Ma una volta che sti cinesi si saranno comprati il MONDO, cosa faranno?

Hai presente cosa facevano gli antichi romani con i prigionieri?

Allora facci guadagnare un sacco di soldi che ci trasferiamo su Marte, finche non si comprano pure quello...


Non preoccupparti, a meno che la scienza non inventera' un modo di farci vivere fino a 200 anni, non credo che accadra' prima della fine del secolo.

Il problema sara' per le generazioni future...un'Italia saccheggiata di tutto. Che futuro potra' avere?  ):I

Oggi dicono che garantiranno il lavoro in Pirelli ma chi gli vietera' di cambiare idea fra 20 anni? Nessuno purtroppo. Ci saranno guerre. Tante.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 10, 2015, 09:40:47 am
Autostrade: Macquaire interessato a riassetto (CorSera)

    ROMA (MF-DJ)--Gli australiani di Macquaire puntano sulle autostrade italiane. Lo scrive il Corriere della Sera spiegando che il gruppo, che ha posizioni significative in Europa, è pronto ad avere un ruolo nel consolidamento del settore. Attualmente c'è un gigante, Autostrade per l'Italia, e un discreto numero di società autostradali presenti a livello locale, dal Nord Est al Nord Ovest ma anche nelle regioni centrali e al Sud.

    Buona parte delle concessioni, inoltre, è in scadenza o lo sarà nei prossimi anni. In più è significativa la presenza di enti locali e fondazioni che compongono compagini societarie molto frammentate. La tendenza, condivisa a livello governativo, è la creazione di poli autostradali. Per questo si sono candidati gli spagnoli di Abertis e il gruppo Toti, affiancati dal gruppo Gavio. Ora, prosegue il giornale, è sceso in campo Macquaire che può contare sulla conoscenza di Fulvio Conti (ex a.d. Enel), senior advisor del fondo Macquaire infrastructure and real assets, presente in oltre 100 società nel mondo. Le prospettive vengono considerate interessanti, continua il quotidiano, perché fondazioni, comuni e province devono fronteggiare emergenze finanziarie e sono destinati a essere venditori.

    Ugualmente è pronta a vendere Intesa Sanpaolo, presente in numerose concessionarie, soprattutto a Nord Est, con quote non strategiche. Naturalmente, conclude il giornale, le cessioni dovranno avvenire nell'ambito di progetti imprenditoriali credibili a prezzi interessanti. Esattamente quelli che intende proporre Macquaire.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 10, 2015 03:39 ET (07:39 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 17, 2015, 08:39:55 am
Citazione
Calcio: no comment Lazard su mandato Milan per cessione (Class-Cnbc)

    MILANO (MF-DJ)--Lazard non commenta la notizia del mandato che avrebbe ricevuto dall'A.C.Milan per cercare possibili acquirenti.

    E' quanto ha riferito a Class-Cnbc (tv del gruppo Class E. che assieme a DowJones & Co. controlla quest'agenzia) un portavoce della casa d'affari statunitense, aggiungendo che la società si attiene "a quanto espresso da Fininvest".

  red/ofb

  (END) Dow Jones Newswires

  March 06, 2014 09:47 ET (14:47 GMT)


La prendo come conferma che il Milan e' in vendita.


Eccoci qui...1 anno + tardi.


Citazione
Milan: due diligence al rush finale (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--La due diligence dovrebbe terminare probabilmente a fine mese. A quel punto si dovrebbe sapere qualcosa di più sul riassetto azionario dell'Ac Milan e su chi potrebbe essere il nuovo azionista del club rossonero.

    Lo scrive Il Sole 24 ore spiegando che l'analisi dei documenti contabili è in corso in questi giorni da parte di due investitori in gara, cioè il tailandese Bee Taechaubol e il cinese Richard Lee. Al lavoro di due diligence starebbe partecipando un team nutrito di avvocati, ma nelle ultime settimane sono entrati in scena anche gli advisor legali dei possibili compratori.

    La settimana prossima, conclude il giornale, sono attese le management presentation con la presenza dei due amministratori delegati del club, Barbara Berlusconi e Adriano Galliani.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 17, 2015 02:23 ET (06:23 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 17, 2015, 08:41:44 am
Fondi: Fip vende caserme a Cerberus (MF)

    MILANO (MF-DJ)--Prosegue lo shopping dei fondi stranieri in Italia. Pochi giorni fa il Fip, il fondo pubblico di investimento immobiliare guidato da Aldo Mazzocco, ha ufficialmente ceduto al veicolo americano Cerberus un portafoglio di immobili per un valore di circa 230 milioni. Tra i principali asset passati di mano ci sarebbero anche due caserme della Guardia di Finanza, una a Milano e una a Bari.

    L'accordo, scrive MF, rientra in un'opera di dismissione più ampia che aveva già portato il fondo di real estate gestito da Investire Immobiliare (la sgr controllata all'80% dalla quotata B.Finnat della famiglia Nattino e per il restante 20% dalla Regia che fa capo all'imprenditore Gilberto Benetton) alla vendita, lo scorso dicembre, di un primo portafoglio di immobili al fondo americano Blackstone.

  red/cas

  (END) Dow Jones Newswires

  April 17, 2015 02:30 ET (06:30 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 17, 2015, 08:45:33 am
Immobiliare: Adia mira a un hotel a Roma (MF)

    MILANO (MF-DJ)--Un hotel a cinque stelle in pieno centro di Roma. È il prossimo obiettivo di Adia, il fondo sovrano di Abu Dhabi, che sarebbe in trattative per rilevare un immobile storico su Via del Corso e trasformarlo in un albergo di lusso.

    Il palazzo in questione, scrive MF, si estende su una superficie di ben 117 mila metri quadrati e sarebbe praticamente già a posto per quanto riguarda le autorizzazioni necessarie al cambio di destinazione d'uso a struttura ricettiva, della quale sarebbe già stata scelta anche l'insegna. Secondo indiscrezioni è già previsto che l'immobile venga poi gestito dalla catena di hotel di lusso a cinque stelle Corinthia. A vendere dovrebbe essere una società compartecipata dalla Regia srl di Gilberto Benetton e dall'imprenditore italo-argentino Eduardo Safdie, che hanno acquistato l'immobile nel 2007 da Pirelli Re. Difficile dire al momento quanto potrebbero durare le trattative, ma se i contatti dovessero andare a buon fine, l'investimento complessivo da parte di Adia, per l'acquisto del palazzo e la sua trasformazione in hotel, si aggirerebbe intorno ai 170 milioni di euro, tale da permettere un'uscita soddisfacente anche ai precedenti proprietari.

  red/cas

  (END) Dow Jones Newswires

  April 17, 2015 02:14 ET (06:14 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 20, 2015, 09:58:46 am
Fondi: Abu Dhabi mette l'Italia nel mirino (Mi.Fi.)

    MILANO (MF-DJ)--Dopo le operazioni dei mesi scorsi, dall'ingresso in Alitalia all'acquisto del 100% di Piaggio Aero, Abu Dhabi continua a cercare opportunità di business in Italia.

    Di noto, ricorda Milano Finanza, c'è l'interesse a rilevare una quota di Aeroporti di Roma, hub della compagnia in cui lo sceicco Khalifa Bin Zayed Al Nahyan ha investito 560 milioni, ma in realtà nei radar c'è di più. "Finora le operazioni condotte in Italia da Abu Dhabi sono state favorite più che altro da relazioni personali", spiega Renato Giallombardo, partner di Gianni Origoni Grippo che proprio nell'emirato ha avviato una delle proprie sedi e che è stato uno degli advisor dell'operazione Alitalia-Etihad. "Ora è auspicabile un vero cambiamento di strategia per fare in modo che gli investimenti passino da una logica di rapporti personali a una di sistema, in cui l'Italia sia vista come un partner nel suo insieme. Non è un caso che il premier Renzi sia volato negli Emirati ben due volte in poco più di un anno".

    Domani, ad esempio, è prevista una missione a Roma da parte di alcuni emissari di Abu Dhabi, per incontrare gli operatori del settore immobiliare. "Non mi meraviglierei di vederli in qualche grande progetto infrastrutturale", sostiene Bernardo Bortolotti, direttore del Sovereign Investment Lab dell'Università Bocconi. L'Emirato è tra i principali investitori mondiali e complessivamente i suoi fondi sovrani valgono circa mille miliardi di euro, un quinto del totale planetario. I settori target saranno quello della finanza, l'immobiliare e i cosiddetti safe asset, ossia beni e attività legati a un'infrastruttura fisica. In particolare, appare evidente l'interesse per il comparto del real estate italiano, come testimonia il recente intervento di Adia al fianco di Hines nella corsa alla ex sede Unicredit di Piazza Cordusio a Milano. Inoltre, il fondo sarebbe in trattative per rilevare un palazzo storico in via del Corso Roma, con l'obiettivo di farne un albergo di lusso.

    "C'è anche grande interesse per il settore del bioagrifood, che con l'Expo può diventare una vera opportunità, anche perché tra Italia e Abu Dhabi c'è già un rapporto avviato su queste tematiche, grazie alla partnership tra il Cnr e il ministero dell'Economia dell'Emirato, siglata nel 2013", aggiunge Giallombardo. "Abu Dhabi è inoltre l'unico possibile mediatore verso l'Arabia Saudita, un Paese che ha di recente lanciato un importante piano di investimenti. L'Italia, anche grazie al rapporto con Abu Dhabi, dovrebbe sfruttare le opportunità in termini di commesse e di internazionalizzazione produttiva per le nostre aziende".

  red/ofb

  (END) Dow Jones Newswires

  April 20, 2015 02:39 ET (06:39 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 21, 2015, 09:34:40 am
Valentino: cedola da 30 mln per i reali del Qatar (MFF)

    MILANO (MF-DJ)--A tre anni dall'onerosa acquisizione e dopo aver completato una imponente ristrutturazione della griffe italiana, la famiglia reale del Qatar passa al primo incasso. Pochi giorni fa l'assemblea del Valentino fashion group, contestualmente all'approvazione definitiva dell'operazione di fusione inversa con il brand Valentino, ha anche deliberato la distribuzione di un maxi-dividendo da 30 milioni di euro a favore dell'azionista unico, la sub-holding Mfi luxury.

    Un modo, secondo quanto risulta a MFF, per ripagare in una qualche misura l'esborso (circa 700 milioni di euro) del luglio 2012 targato Mayhoola for investments, il veicolo per gli investimenti di sheikha Al Mayassa Hamad bin Khalifa, sorella dell'attuale emiro sheikh Tamim bin Hamad Al Thani e figlia dello sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani, l'esponente della famiglia reale Al Thani che ha guidato il Qatar dal 1995 al 2013. Tre anni fa, Mayhoola pur di aggiudicarsi la maison Valentino, decise, secondo indiscezioni, di strapagarla: 25 volte il margine operativo lordo del 2011.

  red/cas

  (END) Dow Jones Newswires

  April 21, 2015 02:43 ET (06:43 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 21, 2015, 03:22:58 pm
Mercatone Uno: tre soggetti esteri interessati ad acquisto (fonte)

    MILANO (MF-DJ)--Nell'ambito della procedura concorsuale di Mercatone Uno sono arrivate tre manifestazioni di interesse finalizzate all'acquisto della catena di grandi magazzini italiana. Le proposte, secondo quanto ha appreso Mf-Dowjones da una fonte informata sui fatti, sarebbero arrivate da soggetti francesi, austriaci-tedeschi e sudafricani.

    "In realtà", spiega la fonte, "l'interesse degli stranieri non è per la società, ma per il mercato. Il modello di business dell'azienda di Imola è quello di un bazar anni 80'" ed è quindi antiquato. Di conseguenza "l'acquisizione è finalizzata a creare un punto di accesso" nel settore della grande distribuzione in Italia. Mercatone Uno ha infatti una presenza capillare di grandi magazzini su tutto il territorio nazionale.

    Lo scorso 19 gennaio la società aveva presentato al Tribunale di Bologna domanda prenotativa di ammissione alla procedura di concordato preventivo. Nel 2013, ultimo anno di disponibilità del bilancio, M. Estate Spa, holding del gruppo, ha riportato una perdita di 15 milioni di euro. Le attività commerciali fanno capo alla sub-holding Mercatone Uno Services Spa, che ha chiuso sempre il 2013 con una perdita di 95 milioni di euro (in peggioramento rispetto ai 6 milioni di perdita del 2012).

    La società, fondata 40 anni fa, è di proprietà dei soci storici, le famiglie Cenni e Valentini. La gestione è in mano all'amministratore delegato Pierluigi Bernasconi, ex numero uno di Media World, mentre la presidenza del Cda è affidata ad Alessandro Servadei, commercialista bolognese specializzato in diritto concorsuale.

  cas

  (END) Dow Jones Newswires

  April 21, 2015 09:18 ET (13:18 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 22, 2015, 09:20:04 am
Milan: Bee verso esclusiva con soldi cinesi (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--Capitali cinesi e arabi per il Milan. Sotto la regia del broker thailandese Bee Taechaubol. Lo scrive Il Sole 24 ore spiegando che si è sviluppato come la trama di un intrigo internazionale il riassetto del club rossonero: a sorpresa, quando pochi tra gli addetti ai lavori del mondo finanziario davano chance al Ceo di Thai Prime, sono arrivati i soldi, di cui si era solo parlato fino a poco prima.

    Mr Bee, come ormai viene chiamato da tutti in ambito sportivo, avrebbe dato la disponibilità di liquidità per poco meno di 500 mln. Sarebbe una prima tranche, prosegue il giornale, abbastanza tonda. Ora Silvio Berlusconi sarebbe pronto a concedergli un'esclusiva per l'acquisto del Milan.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 22, 2015 02:31 ET (06:31 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Par - Aprile 22, 2015, 09:29:22 am
Pensate che c'è chi si preoccupa dei fire sales in caso di eurexit dell'Italia...  ::)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 22, 2015, 09:42:12 am
Pensate che c'è chi si preoccupa dei fire sales in caso di eurexit dell'Italia...  ::)

Io mi preoccuperei maggiormente del futuro dei giovani italiani quando davanti a loro avranno la maggioranza di societa' estere che potrebbe favorire i loro connazionali anziche' assumere italiani.

La strada che vedo per l'Italia e' proprio grigia e qualche leggero miglioramento grazie alla BCE non cambia lo scenario da qui al 2030 - 2050  :(
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Par - Aprile 23, 2015, 09:04:31 am
Pensate che c'è chi si preoccupa dei fire sales in caso di eurexit dell'Italia...  ::)

Io mi preoccuperei maggiormente del futuro dei giovani italiani quando davanti a loro avranno la maggioranza di societa' estere che potrebbe favorire i loro connazionali anziche' assumere italiani.

La strada che vedo per l'Italia e' proprio grigia e qualche leggero miglioramento grazie alla BCE non cambia lo scenario da qui al 2030 - 2050  :(

Infatti... invece blaterano tutti di favorire investimenti esteri senza specificare che significano o debito estero o controllo/aquisizione delle imprese straniere su quelle italiane (capitale)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 23, 2015, 09:28:28 am
Pensate che c'è chi si preoccupa dei fire sales in caso di eurexit dell'Italia...  ::)

Io mi preoccuperei maggiormente del futuro dei giovani italiani quando davanti a loro avranno la maggioranza di societa' estere che potrebbe favorire i loro connazionali anziche' assumere italiani.

La strada che vedo per l'Italia e' proprio grigia e qualche leggero miglioramento grazie alla BCE non cambia lo scenario da qui al 2030 - 2050  :(

Infatti... invece blaterano tutti di favorire investimenti esteri senza specificare che significano o debito estero o controllo/aquisizione delle imprese straniere su quelle italiane (capitale)

Beh ma sai cosa gli frega al 90% dei politici?

Che arrivi in fretta il 27.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Par - Aprile 23, 2015, 10:14:48 am
Pensate che c'è chi si preoccupa dei fire sales in caso di eurexit dell'Italia...  ::)

Io mi preoccuperei maggiormente del futuro dei giovani italiani quando davanti a loro avranno la maggioranza di societa' estere che potrebbe favorire i loro connazionali anziche' assumere italiani.

La strada che vedo per l'Italia e' proprio grigia e qualche leggero miglioramento grazie alla BCE non cambia lo scenario da qui al 2030 - 2050  :(

Infatti... invece blaterano tutti di favorire investimenti esteri senza specificare che significano o debito estero o controllo/aquisizione delle imprese straniere su quelle italiane (capitale)

Beh ma sai cosa gli frega al 90% dei politici?

Che arrivi in fretta il 27.

Sì lo so..mi riferivo piu che altro ai cosiddetti organi di "informazione"  e del conseguente rincoglionimento della gente che pensa che il fatto che whirlpool acquisisce Indesit sia un successo. ...salvo poi risvegliarsi bruscamente
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 29, 2015, 10:01:58 am
Milan: Mr Bee offre 500 mln per 51% (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--Cinquecento milioni per rilevare il 51% del Milan. E' questa, secondo quanto scrive Il Sole 24 ore, l'offerta che Mister Bee Taechaubol presenterà stasera a Silvio Berlusconi nel corso di un vertice ad Arcore.

    L'offerta, spiega il giornale, è di quelle "prendere o lasciare" perché i troppi rumors circolati sulla trattativa avrebbero infastidito a tal punto Mr Bee da farlo arrivare alla decisione che l'incontro di stasera sarà decisivo in un senso o nell'altro.

    L'intento è di diffondere domani una nota ufficiale con l'annuncio della conclusione della trattativa. La valutazione ufficiale del Milan fatta da Mr Bee si aggira intorno ai 1.200 milioni. Da questa cifra vanno decurtati i 250 mln di debiti finanziari certificati dal bilancio al 31 dicembre 2014.

    Ovviamente, conclude il giornale, il finanziere thailandese -in cordata per il Milan con investitori di Abu Dhabi e cinesi- è convinto che non ci siano ragioni per un fallimento della trattativa.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 29, 2015 02:51 ET (06:51 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: salvo83toto - Aprile 29, 2015, 10:15:21 pm
Milan: Mr Bee offre 500 mln per 51% (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--Cinquecento milioni per rilevare il 51% del Milan. E' questa, secondo quanto scrive Il Sole 24 ore, l'offerta che Mister Bee Taechaubol presenterà stasera a Silvio Berlusconi nel corso di un vertice ad Arcore.

    L'offerta, spiega il giornale, è di quelle "prendere o lasciare" perché i troppi rumors circolati sulla trattativa avrebbero infastidito a tal punto Mr Bee da farlo arrivare alla decisione che l'incontro di stasera sarà decisivo in un senso o nell'altro.

    L'intento è di diffondere domani una nota ufficiale con l'annuncio della conclusione della trattativa. La valutazione ufficiale del Milan fatta da Mr Bee si aggira intorno ai 1.200 milioni. Da questa cifra vanno decurtati i 250 mln di debiti finanziari certificati dal bilancio al 31 dicembre 2014.

    Ovviamente, conclude il giornale, il finanziere thailandese -in cordata per il Milan con investitori di Abu Dhabi e cinesi- è convinto che non ci siano ragioni per un fallimento della trattativa.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 29, 2015 02:51 ET (06:51 GMT)

Economicamente è un'operazione che accontenta tutti!
Sportivamente non mi convince...
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 30, 2015, 08:19:37 am
Pininfarina: da indiani 80 mln, 25 mln per maggioranza (Mess)

    ROMA (MF-DJ)--Investimento complessivo massimo di 80 mln del gruppo Mahindra&Mahindra per acquisire il controllo di Pininfarina, compresa la somma necesasria per lanciare l'Opa. Sarebbe di 25 mln l'offerta per rilevare il pacchetto di maggioranza detenuto dai creditori attraverso Pincar.

    Lo scrive Il Messaggero ricordando che nel corso degli anni, il piano di ristrutturazione ha avuto una serie di modifiche, fino a quando gli istituti hanno dovuto cedere alla cassaforte, a un prezzo simbolico, circa 250 mln di crediti convertiti in azioni. Con la somma che dovrebbero incassare, gli istituti recupereranno parte dei crediti convertiti.

    Acquistando la maggioranza, prosegue il giornale, Mahindra dovrà lanciare l'Opa. E a questo fine, nel piano presentato alle banche è previsto che gli indiani siano pronti a investire fino a 35 mln, una somma che tiene conto della media degli ultimi tre mesi mesi e quindi circa 4,56 euro. Conquistato il controllo, Mahindra sarebbe disposta a ricapitalizzare il gruppo con 20 mln.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 30, 2015 02:17 ET (06:17 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Aprile 30, 2015, 09:40:47 am
Milan: Mr Bee offre tre opzioni di Ipo (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--Il Milan cerca il suo futuro in Borsa. Nel giorno

  dell'incontro tra l'intermediario thailandese Bee Thacheubol e Silvio

  Berlusconi ad Arcore, è sulla quotazione del club rossonero sui mercati

  finanziari che sono puntati i riflettori.

    Lo scrive Il Sole 24 ore spiegando che l'operazione di Mr Bee ha infatti

  come fattore cruciale l'Ipo del club. In un documento riservato,

  sottolinea il giornale, si fa infatti una simulazione sulla possibilità

  che il Milan approdi alla quotazione singola su tre mercati diversi: Hong

  Kong, Shanghai e Milano. Si prende in considerazione che il club rossonero

  possa anche procedere in un dual listing, cioè su una Borsa asiatica e a

  Piazza Affari.

    Nel documento si prendono in considerazione gli aspetti regolamentari,

  abbastanza differenti, delle tre piazze borsistiche. In definitiva viene

  sconsigliata la quotazione a Shanghai per alcuni aspetti regolamentari,

  mentre si apre alla possibilità di un'Ipo nel breve periodo a Hong Kong e

  a Milano.

    Hong Kong verrebbe ritenuta la piazza preferibile per lo sbarco di un

  club come quello rossonero. Tuttavia anche in quest'ultimo caos ci sono

  dei paletti che andrebbero superati dal punto di vista legale: dalla

  necessità di avere un azionista di controllo stabile da almeno un anno

  fino ad alcune clausole di lock up.

    Infine viene ritenuto possibile anche lo sbarco a Piazza Affari. Non

  sembra preoccupare il bilancio del Milan. Infine, conclude il quotidiano,

  si dovrebbe trattare di un'Opvs in parte per rimborsare alcuni investitori

  che entreranno in questa prima fase (si è parlato della banca di Abu Dhabi

  Adb Securities e della cinese China Citic BAnk) in parte per avere le

  risorse per la campagna acquisti dei nuovi giocatori.

    Il dossier della quotazione a Hong Kong e forse a Milano dovrebbe

  entrare nel vivo nella fase due dell'operazione, una volta raggiunto un

  accordo con Silvio Berlusconi che dovrebbe comunque restare

  nell'azionariato con una quota importante.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 30, 2015 03:23 ET (07:23 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: trading2012franco - Maggio 01, 2015, 02:48:13 pm
piccola notiziola :  -13 Miliardi di Euro...... improvviso buco da 5 miliardi per gli anni 2012 e 2013 e altri 7-8 miliardi per il 2013 e 2014  <TAP> ::) <TAP> :-X ):I

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-05-01/renzi-preoccupato-i-saldi-non-sara-facile-084556.shtml
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 01, 2015, 03:03:03 pm
piccola notiziola :  -13 Miliardi di Euro...... improvviso buco da 5 miliardi per gli anni 2012 e 2013 e altri 7-8 miliardi per il 2013 e 2014  <TAP> ::) <TAP> :-X ):I

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-05-01/renzi-preoccupato-i-saldi-non-sara-facile-084556.shtml

Spiccioli...una bella patrimoniale da 1000 euro a testa per ogni italiano esclusi pensionati, disoccupati e minori ed il buco e' tappato.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Maggio 02, 2015, 01:28:17 pm

Milan: Mr Bee offre tre opzioni di Ipo (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--Il Milan cerca il suo futuro in Borsa. Nel giorno

  dell'incontro tra l'intermediario thailandese Bee Thacheubol e Silvio

  Berlusconi ad Arcore, è sulla quotazione del club rossonero sui mercati

  finanziari che sono puntati i riflettori.

    Lo scrive Il Sole 24 ore spiegando che l'operazione di Mr Bee ha infatti

  come fattore cruciale l'Ipo del club. In un documento riservato,

  sottolinea il giornale, si fa infatti una simulazione sulla possibilità

  che il Milan approdi alla quotazione singola su tre mercati diversi: Hong

  Kong, Shanghai e Milano. Si prende in considerazione che il club rossonero

  possa anche procedere in un dual listing, cioè su una Borsa asiatica e a

  Piazza Affari.

    Nel documento si prendono in considerazione gli aspetti regolamentari,

  abbastanza differenti, delle tre piazze borsistiche. In definitiva viene

  sconsigliata la quotazione a Shanghai per alcuni aspetti regolamentari,

  mentre si apre alla possibilità di un'Ipo nel breve periodo a Hong Kong e

  a Milano.

    Hong Kong verrebbe ritenuta la piazza preferibile per lo sbarco di un

  club come quello rossonero. Tuttavia anche in quest'ultimo caos ci sono

  dei paletti che andrebbero superati dal punto di vista legale: dalla

  necessità di avere un azionista di controllo stabile da almeno un anno

  fino ad alcune clausole di lock up.

    Infine viene ritenuto possibile anche lo sbarco a Piazza Affari. Non

  sembra preoccupare il bilancio del Milan. Infine, conclude il quotidiano,

  si dovrebbe trattare di un'Opvs in parte per rimborsare alcuni investitori

  che entreranno in questa prima fase (si è parlato della banca di Abu Dhabi

  Adb Securities e della cinese China Citic BAnk) in parte per avere le

  risorse per la campagna acquisti dei nuovi giocatori.

    Il dossier della quotazione a Hong Kong e forse a Milano dovrebbe

  entrare nel vivo nella fase due dell'operazione, una volta raggiunto un

  accordo con Silvio Berlusconi che dovrebbe comunque restare

  nell'azionariato con una quota importante.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  April 30, 2015 03:23 ET (07:23 GMT)

Tu che sei nel settore, Lorenzo, una squadra di calcio può competere a pari livello con quelle finanziate da arabi e sceicchi (Psg, Chelsea, Manchester City ...) anche se trattasi di un broker? Ads securities, ne avevi mai sentito parlare prima?
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 02, 2015, 01:48:28 pm
Non mi e' chiara la domanda, riprova.  :-\
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: trading2012franco - Maggio 02, 2015, 02:30:01 pm
io credo che non importa in che settore sei (broker o altro) quanto piuttosto se ne hai davvero, se ti circondi di gente competente o meno e se vuoi investire e spendere sul serio in tutto ciò che serve (giocatori - certo - ma anche organizzazione) o se invece il tutto serve solo per fare altri affari (finanza, edilizia, media, merchandising)...
a me pare che per chi viene da fuori a investire nel calcio in Italia, questo non accada mai completamente ma sia sempre un compromesso di interessi (Inter, Roma)..... altrove (Londra, Parigi) prima si dimostra e si spende per entrare negli ambienti giusti, poi si può fare anche il resto....
la differenza, ovviamente, è nella ns residua reputazione
trattasi di operazioni finanziarie, del resto... ma i tifosi di una squadra di calcio non comprendono che per lo straniero che compra un club italiano non c'è nessuna differenza tra il Milan e Bulgari, tra l'Inter e Galbani, tra la Roma e Prada.... i successi sportivi non sono più lo scopo ma il mezzo...
del resto - con il senno di poi - perché Berlusconi aveva preso il Milan ?
ancor di più oggi le squadre sono brand, con un bilancio e delle potenzialità
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 02, 2015, 02:50:45 pm
ancor di più oggi le squadre sono brand, con un bilancio e delle potenzialità

Esatto.

Pero' valorizzare il Milan 1 miliardo mentre la Lazio in borsa capitalizza 56 milioni (grazie al recente balzo degli ultimi mesi altrimenti era a lungo intorno ai 30 - 35 milioni mentre nessuno se la filava) mi lascia molto perplesso.  :-\
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 02, 2015, 03:24:33 pm
Non posso ignorare il fatto che ogni scusa e' buona per mostrare al mondo il lato peggiore dell'Italia.
Ormai mi sembra sempre piu' che assomiglia ad un Paese emergente anziche' ad uno sviluppato. Il problema e' che l'Italia arretra mentre altri Paesi migliorano. Tutto cio' mi rattrista.  :(

Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: fabbres - Maggio 03, 2015, 11:38:30 am
Non e' un fenomeno italiano  ma europeo .Sono alcune centinaia di persone ,in minoranza italiane ,che girano l'europa manifestando in modo violento devastando le citta
E in america accade di peggio se segui la cronaca di questi giorni

http://247.libero.it/focus/22619610/13/guerriglia-a-francoforte-contro-la-nuova-sedhttps://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xfp1/v/t1.0-9/s720x720/1510901_10152785222752984_2169561999433136543_n.jpg?oh=9324bf9fd8a299a893d3c5e1292d8d3b&oe=55E22D81&__gda__=14https://scontent-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xap1/v/t1.0-9/s720x720/17830_10152785222917984_2931143570775691493_n.jpg?oh=9722c5cc330ecffdhttps://scontent-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xpf1/v/t1.0-9/s720x720/11036989_10152785222617984_6445405334036428359_n.jpg?oh=616ab9de90a45bd27fda67ad3bc537ca&oe=55CF52EEcc87d2732c386ddd&oe=55D35A7E40200784_c8f822e52021794b3c0eb9b2e779b76ee-della-bce/
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 03, 2015, 01:34:12 pm

E in america accade di peggio se segui la cronaca di questi giorni


Gli USA non li prenderei come esempio, considerando che vendono armi nei supermercati e che molti Stati usano la pena di morte.

Io confronto l'Italia con i Paesi civili e per me gli USA non lo sono.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Maggio 04, 2015, 12:23:31 am

Non mi e' chiara la domanda, riprova.  :-

In parole povere, secondo te, il Milan va in meglio o in peggio rispetto a prima? È la prima volta che sento che un broker tiene una squadra di calcio, che sia da fidarsi? E poi avevo aggiunto: conosci la sua Ads Securities?
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: squall89 - Maggio 04, 2015, 01:59:03 am
stimare il milan 1 miliardo è pura follia

c'è sotto qualcosa sicuramente  8)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 04, 2015, 05:48:49 am
In parole povere, secondo te, il Milan va in meglio o in peggio rispetto a prima?

beh se hanno tanti milioni da buttare potranno comprare qualunque fenomeno a cominciare da Felipe Anderson.  ;)


E poi avevo aggiunto: conosci la sua Ads Securities?

Yes, creata da Mahmood Ebraheem Al Mahmood.

http://www.thenational.ae/business/industry-insights/finance/ads-stakes-early-claim-for-presence-in-abu-dhabis-free-zone

Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Maggio 04, 2015, 11:29:08 pm
Mr Bee: "A 14 anni facevo il lavapiatti, ora investo nel Milan" 
Mr Bee: "A 14 anni facevo il lavapiatti, ora investo nel Milan"
Il broker thailandese si racconta a Goal.com: "Vedevo la Serie A dall'Australia"

Alla scoperta di Mr Bee Taechaubol. E' stato proprio lo stesso thailandese a raccontare la sua vita in una lunga intervista a Goal.com. Il broker che vuole investire nel Milan è partito dagli inizi: "A 14 anni facevo il lavapiatti e a 16 ero già nel business dell'immobiliare". Poi l'esperienza in Australia e l'innamoramento per i rossoneri: "Vedevo le partite della Serie A con i miei amici italiani. O investo nel Milan, oppure niente".

Mr Bee ha spiegato il perché vuole investire il Milan: "La Baronessa Rothschild mi segnalò che era possibile un investimento nel Milan. La sua famiglia non è molto interessata al calcio, e come me del resto, mai si sarebbero lanciati in un affare sul quale non avessero nutrito una vera passione. Ho iniziato a seguire il calcio italiano nei primi anni 90, quando il Milan era fortissimo e la Serie A era il campionato da guardare per eccellenza. Ai tempi ero in Australia, conoscevo tanti ragazzi di origine italiana e insieme a loro seguivo le partite. Mi ha sempre appassionato, mai avrei deciso di investire in un altro campionato. Per questo ho sempre pensato: o investo sul Milan, oppure nulla. Mai avrei potuto investire in un altro club, e avrei declinato comunque l'eventualità di essere coinvolto in un'altra iniziativa. Devo essere coinvolto passionalmente, e soprattutto puntare sempre al massimo. Il Milan è uno dei club più prestigiosi che ci siano, ha il potenziale illimitato".
Il broker è partito dal basso: "Ho lavorato in un ristorante di proprietà dei miei genitori in Australia, volevano che imparassi le vere difficoltà della vita. Poi, ho creato una compagnia online che operava nel mercato immobiliare, che fece ottimi profitti. Il problema fu che la mia famiglia aveva lasciato una gran parte dei suoi investimenti in Thailandia: nel 1997, quando scoppiò la crisi del Sud-Est asiatico, si trovò piena di debiti. Quando lasciai l’Australia – dove sono cresciuto e dove sono diventato ingegnere civile, avevo solo 2.000 dollari australiani in tasca. Per vivere ho lavorato in diverse aziende. Grazie al cielo, sono stato coinvolto in parecchi business nei quali ho comprato a poco e venduto a molto".
Mr Bee ha concluso: "So di essere fortunato, ho una bella vita. Ma voglio cercare di vivere nella maniera più normale possibile, nel fine settimana porto i miei figli a spasso, andiamo a fare la spesa insieme. Non ho la governante in casa, per dire: voglio che la mia famiglia resti il più normale possibile".
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: predator - Maggio 05, 2015, 10:20:47 am
... e noi ci dobbiamo credere  <rotflol>
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 05, 2015, 10:32:59 am
in effetti a me qualcosa non torna...non capisco come e' arrivato ad una valutazione di 1 miliardo per il Milan e non capisco come mai Berlusconi non gli bacia i piedi...non sara' che e' tutta una storia creata da Re Media per far alzare il prezzo a qualcun altro?  :-\
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Maggio 05, 2015, 10:41:06 am
in effetti a me qualcosa non torna...non capisco come e' arrivato ad una valutazione di 1 miliardo per il Milan e non capisco come mai Berlusconi non gli bacia i piedi...non sara' che e' tutta una storia creata da Re Media per far alzare il prezzo a qualcun altro?  :-\

600 milioni x la squadra + 100 milioni x ripianare i debiti + 300 milioni nuovo stadio = 1 Miliardo
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: squall89 - Maggio 05, 2015, 10:46:52 am
in effetti a me qualcosa non torna...non capisco come e' arrivato ad una valutazione di 1 miliardo per il Milan e non capisco come mai Berlusconi non gli bacia i piedi...non sara' che e' tutta una storia creata da Re Media per far alzare il prezzo a qualcun altro?  :-\

600 milioni x la squadra + 100 milioni x ripianare i debiti + 300 milioni nuovo stadio = 1 Miliardo
da quando in qua i debiti hanno un valore positivo
e poi la squasra varrá neanche 150 milioni se vendessi tutti i giocatori
forse per squadra intendiv giocatori+infrastrutture +marchio
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Maggio 05, 2015, 10:51:38 am
in effetti a me qualcosa non torna...non capisco come e' arrivato ad una valutazione di 1 miliardo per il Milan e non capisco come mai Berlusconi non gli bacia i piedi...non sara' che e' tutta una storia creata da Re Media per far alzare il prezzo a qualcun altro?  :-\

600 milioni x la squadra + 100 milioni x ripianare i debiti + 300 milioni nuovo stadio = 1 Miliardo
da quando in qua i debiti hanno un valore positivo
e poi la squasra varrá neanche 150 milioni se vendessi tutti i giocatori
forse per squadra intendiv giocatori+infrastrutture +marchio

All'interno del Miliardo c'era anche l'accordo di ripianare i debiti, ossia 96 milioni quindi li considero dentro al pacchetto

Per la squadra, si intendevo dire + infrastrutture + marchio ecc., la squadra vale 5 milioni: il valore di Diego Lopez in pratica  :D
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 05, 2015, 12:29:28 pm

Per la squadra, si intendevo dire + infrastrutture + marchio ecc., la squadra vale 5 milioni: il valore di Diego Lopez in pratica  :D

beh voglio proprio vedere il valore del Milan contro la Roma.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Alaska18 - Maggio 05, 2015, 01:22:16 pm


Per la squadra, si intendevo dire + infrastrutture + marchio ecc., la squadra vale 5 milioni: il valore di Diego Lopez in pratica  :D

beh voglio proprio vedere il valore del Milan contro la Roma.

Non ti preoccupare, te la fermiamo noi quella squadrettina
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Stefano - Maggio 05, 2015, 02:44:51 pm
Quello che vediamo noi e' solo la parte pubblica e sportiva, sotto certe quotazioni assurde c'e creazione di fondi neri all'estero e pulizia degli stessi quando devono rientrare.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: lucas - Maggio 05, 2015, 02:48:07 pm
Allora,Io non so se Mr.Bee siè fatto da solo o no,conosco un po la thailandia e i thailandesi.Negliultimi anni cè un giro losco di affari che coinvolgono poche persone ricche e la Thailandia è un paese che percmette di fare tuttocio con pochi controlli,vedere il loro ex premiere Takcsin "il Berlusconi thailandese" proprietario di tv,squadre di calcio inglesi terreni e politico,ora esiliato da qualche parte ma che mantiene il controllo tramite la sorella fatta diventare politico.
Il mio pensiero sugli asiatici che comprano le squadre di calcio vedi ora mr bee prima Tohir è che del calcio non gliene frega niente,devono riciclare soldi e laquestione di diventare popolari passa in terzo piano perche di investire e capire come si fauna squadra di calcio  non glie ne po frega di meno...
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 14, 2015, 11:10:22 am
Debito P.A.: Bankitalia, a marzo aggiorna record a 2184 mld

  (END) Dow Jones Newswires

  May 14, 2015 04:20 ET (08:20 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 20, 2015, 11:07:59 am
Ora, grazie ad internet, anche gli australiani imparano le cose che non funzionano in Italia.

Oggi un articolo sulla Salerno-Reggio Calabria ed in fondo un video di SBS sui rifiuti tossici:

http://www.news.com.au/travel/travel-updates/italys-controversial-a3-road-linking-salerno-to-reggio-calabria-to-finally-finish/story-e6frfq80-1227361454950
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Giugno 11, 2015, 08:43:07 am
Adr: due offerte per 15%. in pole cinese Gingko Tree (Sole)

ROMA (MF-DJ)--Potrebbe essere alle battute finali il riassetto azionario di Aeroporti di Roma. la controllata del gruppo Atlantia della famiglia Benetton.

    Oggi. scrive Il Sole 24 ore. è in calendario un cda di Atlantia. anche se il tema della cessione di una minoranza della società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino non sarebbe all'ordine del giorno: tuttavia. potrebbe essere presto argomento di discussione del board.

    Sul tavolo sarebbero infatti rimaste. dopo una scrematura degli ultimi mesi. due proposte precise: quella del fondo canadese Borealis e quella di un fondo cinese. Gingko Tree.

    Complessivamente Atlantia potrebbe cedere il 30% di Adr. Un primo 15% sarebbe ormai accreditato al fondo sovrano di Abu Dhabi. Adia. La vendita rientrerebbe comunque all'interno dell'alleanza azionaria tra Alitalia ed Etihad.

    Ma per chiudere la cessione ad Adia di questa tranche bisognerà aspettare la decisione sulla vendita dell'altro 15%: su questo fronte sarebbe in corso un'asta gestita da Lazard. Per questo processo. prosegue il giornale. sarebbe ormai vicina una scelta. In campo sarebbero appunto rimasti due gruppi. dopo la scrematura tra 6-7 pretendenti: Borealis e Gingko Tree. che verrebbe dato in pole position.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  June 11. 2015 02:38 ET (06:38 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Giugno 12, 2015, 08:32:14 am
Ricordate qualche mese fa' quando Marchionne disse che la Fiat sarebbe rimasta italiana?

Ora c'e' il rischio che se la pappino i tedeschi. ::)


Citazione
Fca: in piano B ci sono Volkswagen e Peugeot (Sole)

ROMA (MF-DJ)--Se l'operazione con Gm non dovesse concretizzarsi. il manager di Fca ha già in mente il piano B. Se il matrimonio non sarà con General Motors. allora Fca potrebbe pensare di accasarsi con Volkswagen e Peugeot.

    Lo scrive Il Sole 24 ore spiegando che Volkswagen sarebbe forse acquirente. ma con il colosso tedesco (peraltro alla prese con un vuoto di potere al vertice) non si potrebbe parlare di fusione. ma di cessione pura e semplice.

    Resta Peugeot che lo stesso a.d. di Fca. Sergio Marchionne. ha definito nei giorni scorsi un'ipotesi non ottimale; mentre l'a.d. dell'azienda francese. Carlos Tavares. ha lasciato intendere che si potrà parlare di intese solo dopo aver completato il piano di riassetto in corso.

    Trovare un'alternativa a Gm. conclude il giornale. non sarà molto più facile che costringere Mary Barra a sedersi al tavolo negoziale. e in ogni caso potrebbe richiedere tempi più lunghi di quelli che l'accelerazione di queste settimane sembra voler imprimere all'operazione.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  June 12. 2015 02:24 ET (06:24 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Sale - Giugno 12, 2015, 11:34:59 pm
Per l'amor di Dio! Mai comprato auto tedesche e mai lo farò, se FCA diventa tedesca (o si fonde con i tedeschi) mi tocca spostarmi sulle nipponiche! Spero che sia una cavolata da giornalisti o che Marchionne rinsavisca.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: trading2012franco - Giugno 23, 2015, 09:32:39 pm
Alitalia, sentenza interessante :
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/23/alitalia-fallita-tribunale-civile-di-lecce-tesoro-deve-risarcire-piccoli-azionisti/1806528/
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Giugno 23, 2015, 10:16:32 pm
Alitalia, sentenza interessante :
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/23/alitalia-fallita-tribunale-civile-di-lecce-tesoro-deve-risarcire-piccoli-azionisti/1806528/

S T U P E N D O  :-*

Non avevo azioni Alitalia, ma e' bello vedere una sentenza che difende i piccoli azionisti.  <si>
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: predator - Ottobre 02, 2015, 01:40:42 pm
anche Grom non è più italiana  :'(
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 06, 2016, 10:11:11 am
Ilva: per salvataggio spunta cordata asiatica (Rep)
ROMA (MF-DJ)--Comincia a prendere corpo una pista asiatica per il salvataggio dell'Ilva. Una pista che potrebbe unirsi a quella battuta dalla cordata italiana che il Ministero dello Sviluppo economico sta cercando di coordinare.

    Lo scrive Repubblica spiegando che non c'e' ancora nulla di ufficiale ovviamente. ma alla vigilia del via libera al bando di gara che raccoglie offerte per il gruppo siderurgico si va delineando un'ipotesi ancora coperta dal massimo riserbo e che potrebbe raccogliere presto nuovi consensi. gradita al Governo. che gia' sta sondando il terreno in cerca di siderurgici italiani pronti a scendere in campo (Marcegaglia che pure in questa vicenda e' alleato con Arcelor Mittal. Arvedi. Eusider. Trasteel).

    Si evoca. prosegue il giornale. anche una sorta di modello di riferimento. gia' realizzato con successo. quello di Ansaldo Energia. Per Ilva si potrebbe tentare di percorrere la stessa strada. sconvolgendo cosi' uno scenario che per alcuni sarebbe gia' precostituito e porterebbe il gruppo italiano verso il leader mondiale dell'acciaio. Arcelor Mittal.

    E' impossibile infatti pensare a un intervento di salvataggio di aziende italiane. Nessuna potrebbe caricarsi sulle spalle il costo ambientale dell'operazione. propedeutico a ogni prospettiva di rilancio industriale.

    Il timore. sottolinea il giornale. e' quello che Ilva finisca nelle mani di un concorrente gia' ampiamente radicato in Europa e quindi costretto dopo l'acquisto del gruppo italiano a procedere a una profonda opera di razionalizzazione delle strutture operative che finirebbe per tradursi in migliaia di esuberi. E' a questo punto che e' cominciata a circolare l'ipotesi che conduce all'Asia. La ricerca sarebbe gia' iniziata e l'interrogativo si potra' sciogliere solo nelle prossime settimane e a condizione che la trattativa sia condotta con un coinvolgimento governativo cosi' da indurre eventualmente qualche colosso asiatico a scendere in campo.

  vs

  (END) Dow Jones Newswires

  January 06. 2016 03:52 ET (08:52 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 06, 2016, 10:22:49 am
Quello che gli studenti potrebbero leggere fra centinaia di anni.

Citazione
Era l'anno 2116.

L'Impero Cinese, insieme a Russia e Corea del Nord aveva gia' conquistato gran parte dell'Asia, meta' Europa e quasi tutta l'Africa.

In Italia, Grecia e Spagna, gran parte del settore manufatturiero era in mano a generali dell'esercito cinese. Le paghe avvenivano in riso.

Gli USA, il Canada, il Regno Unito, l'Australia e la Nuova Zelanda, cercavano disperatamente di proteggere il resto della Terra.

Nel frattempo, su Marte, gli arabi continuavano a costruire grattacieli sempre piu' alti.

 :(
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Gennaio 08, 2016, 09:24:59 pm
Italia in vendita

http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2016/01/08/fondo-azero-compra-palazzo-a-milano_340f13c4-3a03-41e2-959d-73b89f3df583.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Gennaio 10, 2016, 06:01:04 am
Addio Peroni...

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2016/01/09/giapponese-asahi-fara-offerta-per-peroni_6373b30c-1608-4935-8e56-6408fd5836e5.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 02, 2016, 08:52:01 pm
Addio Meridiana...

Meridiana: Qatar Airways pronto all'ingresso (Mess)

ROMA (MF-DJ)--Qatar Airways decolla con Meridiana. Il vettore aereo in

  crisi di proprieta' dell'Aga Khan passera' nelle mani dell'emirato entro

  la fine del mese. forse anche prima.

    Lo scrive il Messaggero spiegando che l'annuncio del matrimonio potrebbe

  arrivare subito dopo l'incontro al Ministero dello Sviluppo Economico tra

  l'azienda. l'Enac e il Ministero dei Trasporti. previsto per questa

  mattina. La compagnia del Golfo. dopo alcune trattative e diversi incontri

  riservati tra il premier. Matteo Renzi. e il ministro dello Sviluppo

  Economico. Federica Guidi. quello dei Trasporti. Graziano Delrio. e Akbar

  Al Baker. numero uno del gruppo arabo. entrera' in Meridiana prendendo il

  controllo della linea aerea sarda. Una quota che consentira' al Qatar di

  avere accesso a tutti gli slot e ai diritti di volo italiani e

  internazionali attualmente in possesso di Meridiana.

    L'ingresso. secondo fonti finanziarie. avverra' attraverso un aumento di

  capitale riservato che permettera' agli arabi di conquistare la cloche.

  mentre Akfed. la finanziaria dell'Aga khan. che ha il 99% di Meridiana. si

  fara' da parte. mantenendo una quota minoritaria. Nel pacchetto di

  acquisizioni non rientrebbero. almeno per ora. l'aeroporto di Olbia.

  quartier generale della compagnia italiana. e altri beni immobiliari in

  Costa Smeralda.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 10, 2016, 04:53:43 pm
Peroni: Coldiretti. offerta Asahi spinta da aumento export birra italiana

MILANO (MF-DJ)--"L'offerta giapponese per il marchio italiano Peroni è spinta dall'aumento delle esportazioni di birra italiana nel mondo che crescono del 17% nel 2015 ma che sono praticamente triplicate nell'arco di un decennio".

    E' quanto emerge da una analisi condotta dalla Coldiretti. in occasione dell'offerta fatta dal produttore giapponese Asahi per rilevare il marchio italiano dal gruppo SABMiller. sulla base dei dati Istat relativi ai primi dieci mesi dell'anno.

    Anche grazie all'immagine conquistata nel mondo la birra italiana - sottolinea la Coldiretti - va forte nei paesi tradizionali consumatori. dalla Gran Bretagna (+2%) alla Germania (+10%) fino alla Svezia (+24%) ma anche negli Usa. A tirare - continua la Coldiretti - è pero' anche il mercato italiano che nel 2015 ha fatto registrare un aumento record delle vendite del 6%. in controtendenza alla crisi dei consumi. Sono oltre 30 milioni gli appassionati consumatori di birra presenti in Italia dove con un consumo procapite di 29 litri c'e' spazio per crescere considerato che Paesi come la Repubblica Ceca ne bevono 144 litri pro capite. l'Austria 107.8. la Germania 105. l'Irlanda 85.6. il Lussemburgo 85 o la Spagna 82.

    L'operazione - precisa la Coldiretti - non è in realtà l'ennesimo passaggio di marchi italiani storici in mani straniere poichè la Birra Peroni era già stata ceduta nel 2003 al Gruppo sudafricano SabMiller mentre strategia di mercato di Asahi si concentra sull'Asia e l'Oceania e punta sull'espansione su mercati dalla lunga tradizione che le consentirebbero anche una maggiore penetrazione della sua etichetta Super Dry.

    Il Gruppo Birra Peroni è oggi uno dei player principali nel settore dell'industria birraria con tre stabilimenti produttivi (Roma. Padova e Bari) e la malteria Saplo e una produzione annua di birra di 4.8 milioni di ettolitri. I suoi marchi principali sono Peroni. Nastro Azzurro e Pilsner Urquell. A questi si aggiungono altri marchi come Miller Genuine Draft. Peroni Gran Riserva. Raffo e Wuhrer. L'azienda nasce nel 1846 a Vigevano.

    Nell'operazione internazionale c'è in gioco - sottolinea la Coldiretti - un indotto rilevante. A garantire la produzione italiana di birra ci sono infatti le coltivazioni nazionali con una produzione di circa 860.000 tonnellate di orzo su una superficie complessiva investita di circa 226.000 ettari. Per quanto concerne la produzione di birra. la filiera cerealicola. unitamente al Ministero delle Politiche Agricole. ipotizzano un impegno annuo di granella di orzo pari a circa 90.000 tonnellate. "In questa situazione di grande dinamicità. a supporto della trasparenza dell'informazione dei consumatori. è pero' necessario - conclude la Coldiretti - qualificare le produzioni nazionali con l'indicazione obbligatoria in etichetta dell'origine. per evitare che vengano spacciati come Made in Italy produzioni straniere".
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 19, 2016, 10:55:56 am
I giovani continuano ad abbandonare il Titanic.


Istat: cala a 60.656 mln popolazione residente nel 2015

ROMA (MF-DJ)--Nel 2015 la popolazione residente si riduce di 139.000

  unita'. Al 1* gennaio 2016 la popolazione totale e' di 60.656 milioni

  residenti.

    Lo rende noto l'Istat spiegando che gli stranieri residenti in Italia al

  1* gennaio 2016 sono 5.54 milioni (8.3% della popolazione totale) in

  crescita di 39.000 unita' rispetto a un anno prima. La popolazione di

  cittadinanza italiana scende di 179.000 residenti a 55.6 milioni.

    I morti sono stati 653.000 nel 2015. 54.000 in piu' dell'anno precedente

  (+9.1%). Il tasso di mortalita' e' il più alto tra quelli misurati dal

  secondo dopoguerra in poi. L'aumento di mortalita' risulta concentrato

  nelle classi di eta' molto anziane (75-95 anni). Dal punto di vista

  demografico. il picco di mortalita' del 2015 e' in parte dovuto a effetti

  strutturali connessi all'invecchiamento e in parte al posticipo delle

  morti non avvenute nel biennio 2013-2014. piu' favorevole per la

  sopravvivenza. Diminuisce la speranza di vita alla nascita. Per gli uomini

  si attesta a 80.1 anni (da 80.3 del 2014). per le donne a 84.7 anni (da

  85).

    Nel 2015 le nascite sono state 488.000. 15.000 in meno rispetto al 2014

  e nuovo minimo storico dall'Unita' d'Italia. Il saldo naturale (differenza

  tra nascite e decessi) scende ulteriormente a -165.000.

    Il 2015 e' il 5* anno consecutivo di riduzione della fecondita'. giunta

  a 1.35 figli per donna. L'eta' media delle madri al parto sale nel

  frattempo a 31.6 anni.

    Il saldo migratorio netto con l'estero e' di 128.000 unita'. frutto di

  273.000 iscrizioni e 145.000 cancellazioni. rappresenta un quarto di

  quello conseguito nel 2007 nel momento di massimo storico per i flussi

  migratori internazionali.

    Le iscrizioni dall'estero di stranieri sono state 245.000 e 28.000 i

  rientri in patria degli italiani. Le cancellazioni per l'estero riguardano

  45.000 stranieri e 100.000 italiani.

    I trasferimenti di residenza dentro i confini nazionali scendono. dopo

  12 anni. sotto il livello del milione e 300.000. con una contrazione del

  3% sul 2014. Per quanto riguarda i trasferimenti tra Comuni. si conferma

  un saldo migratorio interno positivo per le regioni del Nord (+0.9 per

  mille abitanti) e Centro (+0.6) e negativo per quelle del Mezzogiorno

  (-2.5).

    Non arretra il processo di invecchiamento. assoluto e relativo. Gli

  ultrasessantacinquenni sono 13.4 milioni. il 22% del totale. In

  diminuzione risultano sia la popolazione in eta' attiva (15-64 anni) sia

  quella fino a 14 anni di eta'. La prima scende a 39 milioni. il 64.3% del

  totale. la seconda comprende 8.3 milioni di ragazzi e rappresenta il

  13.7%.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: predator - Febbraio 19, 2016, 04:25:33 pm
chi so sti pazzi  :-X   28.000 i rientri in patria degli italiani.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 19, 2016, 04:46:33 pm
chi so sti pazzi  :-X   28.000 i rientri in patria degli italiani.

I Bamboccioni.  :D
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 19, 2016, 04:50:21 pm
http://www.unita.it/sociale/vi-racconto-come-vive-un-i-bamboccione-i-1.447515

 :pop:
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 19, 2016, 04:53:34 pm
http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/03/09/news/universita-altro-che-merito-e-tutto-truccato-vi-racconto-come-funziona-dietro-la-cattedra-1.202894

 :o
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 24, 2016, 05:06:12 pm
Farmaceutica: svedese Recipharm acquista italiana Mitim
MILANO (MF-DJ)--La farmaceutica svedese Recipharm AB. quotata alla Borsa di Stoccolma. ha acquisito l'azienda bresciana Mitim Srl. specializzata in prodotti farmaceutici. in particolare beta lattamici e soluzioni sterili iniettabili.

    Il closing. si legge in una nota. dell'operazione è avvenuto oggi con il supporto. in qualità di advisor. dello Studio Gatti Pavesi Bianchi. L'acquisizione. del valore di 68 milioni euro (enterprise value). è stata realizzata attraverso la controllata Recipharm Italia SPA e consente all'azienda svedese di presidiare il settore di nicchia dei beta lattamici iniettabili.

  com/mcn

  (END) Dow Jones Newswires

  February 24. 2016 11:04 ET (16:04 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 26, 2016, 06:41:22 pm
ZUCCHI: “CEDO LA MIA AZIENDA ALLO STATO E ME NE VADO”

23 marzo 2012

“Queste sono le chiavi della mia attività. Con stasera ho finito. Domani i miei negozi li aprite voi.” Con queste parole rivolte a Gianfranco Polillo, sottosegretario al Ministero dell’economia, Andrea Zucchi ha concluso il suo intervento giovedì scorso su La7, durante una puntata de L’ultima parola. Sposato, due figli, originario di Fidenza, nel piacentino ha due punti vendita di occhiali. Intervistato in esclusiva da L’indipendenza, lancia un appello: “cerco un paese al mondo in cui io sia gradito. Azienda, magazzino, casa, macchina… cedo tutto quello che ho allo stato. Mi bastano solo i vestiti che ho addosso. Voglio un passaporto nuovo, di un Paese qualsiasi, dove l’imprenditore non sia un nemico. Un Paese dove possa crescere i miei figli, perché qui non è possibile”.

Mica per colpa della crisi: “Ho chiuso i bilanci in pareggio, senza debiti con le banche, anche perché a me, le banche, non hanno mai dato un soldo. Peccato che mi sia arrivata una lettera dall’INPS con minacce d’arresto perché non avrei pagato tutti i contributi, benché io sia in credito d’Iva e attenda dallo stato più soldi di quelli che mi chiede. – chiarisce Zucchi – E consideri che il mio settore non andrebbe neanche male. Si potrebbe fare bene, creare posti di lavoro… il problema è che in Italia c’è una cultura generalizzata che porta a considerare gli imprenditori dei ladri, mentre sono quelli che mantengono tutti, compresi gli statali. Gente che è convinta di pagare le tasse, mentre in realtà le loro tasse sono solo una partita di giro”.

“Qui in Italia siamo alla pura follia – spiega Zucchi – Trent’anni e passa fa un gruppo di soloni si è messo d’accordo per fregarci tutti, costruendo un sistema di clientele che garantisse poltrone a vita. Per farlo ha dovuto venderci un sogno folle: ‘lavorerai il 9% del tempo della tua vita e tanto basterà per mantenere te, la tua famiglia, un pensionato e un dipendente statele’. Perché 40 ore settimanali per 40 anni sono il 9% di una vita. Roba incredibile, ma noi ci siamo cascati perché i soloni hanno usato la parola magica: ‘questo è un vostro diritto’”.

“Neanche i professori, con il loro aplomb, possono fare niente – continua Zucchi – Tranne fare quello che potrebbe fare qualsiasi cretino in un quarto d’ora. Hanno alzato le tasse, invece di abbassare la spesa, tutelando soprattutto gli statali, vedi riforma Fornero. Come se non sapessero che da gennaio a settembre dell’anno scorso 720 aziende del nordest hanno trasferito la loro attività in un posto dove si può lavorare”. Zucchi si riferisce all’Austria, di cui abbiamo parlato qui. “E non appena è successo, tutti a dire che gli imprenditori delocalizzano perché sono stronzi e sfruttano i bambini del Pakistan. Un paio di palle, l’impresa si localizza dove vengono rispettati i diritti civili dell’imprenditore”.

Zucchi trasecola quando pensa all’idea di Attilio Befera, direttore dell’Agenzia dell’Entrate, di dotare di dotare di un bollino blu le imprese che pagano le tasse: “Li ho già visti i bollini colorati messi addosso alle persone, durante il fascismo. E non vorrei vederli più. Che poi un funzionario di stato, pagato colle mie tasse, si permetta di concepire un’idea simile è folle. Questi si sentono unti del Signore. E fanno sentire me indesiderato. Non mi vogliono? Me ne andrò”.

L’Italia, secondo Zucchi, è irriformabile: “qui non si salva nessuno. Lo stato italiano, così come lo racconta Napolitano, è un’idea che non funziona. La costituzione è stata scritta da gente impaurita con attorno macerie ancora fumanti, che temeva svolte autoritarie. Ne è nato uno stato in cui non comanda nessuno. Neanche i signori professori del club di Monti. Ormai viviamo in una pantomima perché la comunicazione pubblica ha preso il sopravvento sulla sostanza delle cose. E quindi tutto è possibile. Infatti in Italia tutto è a norma di legge. L’unico fuori legge sono io”.

Deciso ad abbandonare il Paese, completamente sfiduciato dalla politica, Zucchi, che ammette di aver votato un po’ per tutti i partiti, salvo poi pentirsene ogni volta, rivendica la necessità di compiere quello che definisce un gesto autonomo: “Non voglio implicarmi con movimenti o peggio con associazioni di categoria mangia soldi. In questo stato io sono perdente, quindi non mi resta che andarmene. Non nell’aldilà, come hanno fatto alcuni” conclude Zucchi, al plurale, ripercorrendo i numerosi casi di imprenditori suicidi: “io cerco un Paese che abbia bisogno di gente che sa fare e vuole lavorare. Se ci sono altri che la pensano come me, lo dicano, e scegliamo insieme la meta”.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: predator - Febbraio 29, 2016, 11:13:26 am
io sono con Zucchi  <si>
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Maggio 31, 2016, 08:46:26 am
e pure questa e' andata...

Pininfarina: famiglia cede la società a Mahindra&Mahindra (MF)

MILANO (MF-DJ)--Pincar. società rappresentante della famiglia Pininfarina  e azionista dell'omonima azienda piemontese. ha ceduto l'intera partecipazione nella storica carrozzeria (circa il 76% del capitale sociale) a PF Holdings. società di diritto olandese. posseduta dagli indiani di TechMahindra e Mahindra&Mahindra.

    PF Holdings. si legge su MF. ha acquistato le azioni ordinarie Pininfarina  detenute da Pincar al prezzo di 1.10 euro per azione; ai fini del perfezionamento dell'operazione le banche finanziatrici hanno liberato le azioni dal pegno costituito a loro beneficio da Pincar.

    "L'intesa rappresenta un passaggio fondamentale per Pininfarina. Con il supporto deigli investitori la società viene ad avere la solidità patrimoniale indispensabile per tornare a investire. crescere. innovare ed essere competitiva sul mercato globale". ha commenta il presidente Paolo Pininfarina. "Nei tempi previsti dalla normativa. PF Holdings promuoverà un'offerta pubblica di acquisto totalitaria obbligatoria sulle azioni ordinarie Pininfarina . allo stesso prezzo corrisposto in favore di Pincar (pari a 1.10 euro per azione)".

  fch

  (END) Dow Jones Newswires

  May 31. 2016 02:45 ET (06:45 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Giugno 01, 2016, 09:08:13 am
1 giugno (Reuters) - Il gruppo spagnolo Ebro Foods (EBRO.MC) ha raggiunto un accordo per rilevare un ulteriore 15% di Riso Scotti per circa 13,5 milioni di euro, salendo così al 40% del gruppo italiano
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Giugno 07, 2016, 01:56:15 pm
Crisi: Unimpresa. in mani straniere 51% quotate italiane

ROMA (MF-DJ)--Oltre la meta' delle societa' per azioni quotate italiane e' in mani straniere. Gli investitori esteri superano nel 2015. per la prima volta. il 50% di possesso del Made in Italy di piazza Affari. La capitalizzazione di Borsa delle imprese del nostro Paese e' cresciuta in un anno di 81 mld di euro arrivando a 537 mld complessivi. ma sale oltre il 51%. con un'impennata di 57 mld. la fetta in mano ai colossi internazionali. Mentre il 43% di tutte le imprese (anche le non quotate) e' controllato dalle famiglie.

    Questi i dati principali di un rapporto del Centro studi di Unimpresa. sull'andamento del valore delle aziende italiane nell'ultimo anno. Da dicembre 2014 a dicembre 2015. il capitale delle Spa quotate del nostro Paese e' passato da 457 mld a 538 mld in crescita di 81 mld (+17%). Sul listino tricolore cresce il peso degli azionisti "non italiani" che ora hanno partecipazioni di imprese quotate della Penisola pari a 276 mld. il 51% del totale. Predominante e in crescita e' il peso delle famiglie nel capitale delle aziende (quotate e non) con partecipazioni pari a 891 mld. in salita 42 mld; anche per quanto riguarda il totale delle Spa e' piu' forte la presenza degli stranieri. passati dal 22% al 24% con un aumento delle quote di 68 mld.

    Secondo l'analisi di Unimpresa. basata su dati della Banca d'Italia. da dicembre 2014 a dicembre 2015. si e' dunque assistito a un significativo scatto in avanti del valore delle Spa presenti sui listini di piazza Affari. ma l'andamento del valore delle quote presenta delle differenze secondo la categoria di azionisti. Le partecipazioni di Spa quotate in mano alle imprese italiane a dicembre 2015 valevano 103.7 mld (il 20.82% del totale) in aumento di 8.5 mld (+9.00%) rispetto ai 95.1 mld di dicembre 2014.

    Le banche continuano ad avere una presenza forte e in rafforzamento nel capitale delle Spa quotate con il 10.52%. pari a 56.6 mld in crescita di 8.1 mld (+16.81%) rispetto ai 48.4 mld del 2014. Lo Stato centrale ha nel suo portafoglio titoli azionari quotati italiani per 13.7 mld (il 2.56% del totale). in salita di 1.2 mld (+10.07%) rispetto ai 12.5 mld di un anno prima. A piazza Affari i privati (famiglie) controllano quote pari a 66.6 mld (il 12.39% del totale). cresciute di 1.9 mld (+2.97%) rispetto ai 64.7 mld dell'anno precedente. Gli stranieri controllano il 51.40% di piazza Affari con partecipazioni pari a 276.6 mld in aumento di 57.5 mld rispetto ai 219.1 mld di dicembre 2014; fino allo scorso anno le quote estere non avevano mai superato la soglia del 50%. Complessivamente il valore delle societa' italiane quotate e' salito in un anno di 81.2 mld (+17.78%) da 457 mld a 538.2 mld.

    Presenza estera in espansione. dunque. Sale. infatti. il peso degli stranieri anche se si estende l'analisi a tutto l'universo delle societa' per azioni. L'intero universo delle Spa italiane. comprese le quotate. vale (dicembre 2015) 2.060.3 mld. in aumento di 143.8 mld (+7.51%) rispetto ai 1.916.5 miliardi di dicembre 2014. La ripartizione delle quote e' la seguente: le imprese hanno il 13.14% pari a 276.3 mld. in crescita di 7 mld (+2.63%) sui 269.2 mld di un anno prima. Le banche hanno l'11.43% pari a 235.5 mld. in aumento di 24.1 mld (+11.45%) rispetto a 211.3 mld dell'anno precedente. Sale anche la quota dello Stato centrale che ora ha il 4.84% di Spa con 99.6 mld. in salita di 1.2 mld (+1.28%) rispetto ai 98.3 mld precedenti. I privati detengono il 43.27% di societa' per azioni. dato che conferma il carattere familiare dell'imprenditoria italiana. con 891.6 mld in aumento di 42.3 mld (+4.98%) rispetto agli 849.3 mld di dicembre 2014. La quota di imprese italiane in mano agli stranieri. che corrisponde al 24.51% del totale. e' aumentata di 68.3 mld (+15.65%) da 436.6 mld a 504.9 mld.

  red/gug

  (END) Dow Jones Newswires

  June 07. 2016 07:54 ET (11:54 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Giugno 09, 2016, 08:27:20 am
A volte ritornano...indietro  ;D

Imprese: le Rossana tornano in Italia (MF)
MILANO (MF-DJ)--Da sempre sulla bocca di tutti. Rossana. la celebre caramella che ha lasciato a molti l'amaro in bocca quando si è buttata tra le braccia svizzere di Nestlé. nel 1988 insieme a tutto il marchio Perugina. è di nuovo italiana. Ieri la multinazionale svizzera ha siglato un contratto preliminare per la cessione. anticipata da MF Milano Finanza a inizio marzo. dell'intero ramo d'azienda delle caramelle (Rossana. Fondenti. Glacia. Fruttallegre. Lemoncella e Spicchi) a Fida. azienda di Asti. La società. nata nel 1973. è attiva esclusivamente nel settore delle caramelle e vanta nel suo portafoglio marchi come Bonelle. Sanagola. Charms. Gocce. Tenerezze. Gnammy e le Irresistibili.

    L'acquisizione. scrive MF. ha l'obiettivo di rafforzare ulteriormente la posizione dell'azienda guidata da Eugenio Pinci. che attualmente detiene una quota del 3.5% del mercato totale delle caramelle. con un fatturato pari a 15 milioni nel 2015. Una cifra che dovrebbe raddoppiare a 30 milioni proprio grazie a questa operazione. "Siamo orgogliosi dell'accordo raggiunto che. grazie a significative sinergie tecnologiche. produttive e commerciali. ci consente di rafforzare la nostra posizione sul mercato ampliando il nostro portafoglio prodotti con brand storici molto amati". ha detto Eugenio Pinci. "siamo pronti a investire risorse umane ed economiche nel loro sviluppo e nella loro valorizzazione".

  red/lab

  (END) Dow Jones Newswires

  June 09. 2016 02:24 ET (06:24 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: trading2012franco - Febbraio 15, 2017, 01:37:53 pm
debito pubblico italiano :


ALTRI 45 miliardi nel 2016 ....  ::)




http://www.ilsecoloxix.it/p/economia/2017/02/15/AS6hooHG-bankitalia_pubblico_aumentato.shtml
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: Lorenzo - Febbraio 15, 2017, 05:28:09 pm
Debito P.A.: Unimpresa. in 10 anni salito di 630 mld
ROMA (MF-DJ)--"Dieci anni di crisi hanno fatto crescere il debito pubblico di centinaia di miliardi di euro. Alla fine del 2006 era a quota 1.587.7 miliardi di euro e dopo dieci anni esatti l'incremento è di 630 miliardi tondi. È proprio questo elemento. ovvero il rosso fisso delle finanze pubbliche. a rappresentare una pesantissima zavorra per la ripresa economica".

    Lo dichiara il presidente di Unimpresa. Giovanna Ferrara. commentando i dati della Banca d'Italia sul debito pubblico del Paese.

  liv

  (END) Dow Jones Newswires

  February 15. 2017 11:12 ET (16:12 GMT)
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Febbraio 28, 2017, 05:35:04 am
Addio Zamparini, entro due settimane verrà nominato il nuovo presidente Anglo-americano.

http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/02/27/palermo-zamparini-si-e-dimesso_72e5eee2-befa-4714-bee7-ec603b514112.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: MrSkylab - Febbraio 28, 2017, 08:07:27 am
Addio Zamparini, entro due settimane verrà nominato il nuovo presidente Anglo-americano.

http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/02/27/palermo-zamparini-si-e-dimesso_72e5eee2-befa-4714-bee7-ec603b514112.html

Lotito invece ancora resiste  ):I
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Febbraio 28, 2017, 01:08:52 pm
Addio Zamparini, entro due settimane verrà nominato il nuovo presidente Anglo-americano.

http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/02/27/palermo-zamparini-si-e-dimesso_72e5eee2-befa-4714-bee7-ec603b514112.html

Lotito invece ancora resiste  ):I

Speriamo per noi che stia alzando la posta  :D
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: rukke - Febbraio 28, 2017, 01:26:18 pm
io lavoro presso una media azienda italiana e anche noi stiamo per essere acquistati dagli Americani entro giugno dovrebbe andare in porto la cosa !!!!
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Maggio 10, 2017, 05:13:56 pm
Il Castello di Sammezzano venduto agli arabi

Società Emirati se lo aggiudica ad asta per 15,4 milioni di euro. Luogo del cuore Fai, set 'Racconto' di Garrone

Una grande dimora ottocentesca di ispirazione moresca che racchiude, fra le colline del Valdarno, coloratissimi mosaici in ceramica, cupole ad archi intrecciati, armonie geometriche e vegetali: è il Castello di Sammezzano - 'Luogo del Cuore' 2016 per volontà di oltre 50 mila partecipanti al censimento del Fai, set del film di Matteo Garrone Il Racconto dei Racconti - che la società di Dubai Helitrope Limited si è aggiudicata all'asta con un'offerta di 15,4 milioni di euro. Quella sancita in uno studio notarile fiorentino, dove è stata deliberata l'assegnazione provvisoria all'unico offerente, rappresenta una svolta nella vicenda del complesso (il castello, e il parco di 65 ettari), situato a Leccio nel comune di Reggello (Firenze), e che da anni versa in un preoccupante stato di abbandono, tale da richiedere in prospettiva ulteriori investimenti per la messa in sicurezza.

Storicamente di proprietà della famiglia Ximenes D'Aragona - fu Ferdinando Panciatichi Ximenes d'Aragona a trasformare l'edificio preesistente, nella seconda metà del XIX secolo, sull'onda della corrente culturale orientalista, facendo realizzare sale dedicate a mondi lontani come la Cina e l'Arabia - a fine anni '90 la società italo-inglese Sammezzano Castle Srl lo aveva rilevato con l'intenzione di farne una struttura turistico-ricettiva, secondo quanto previsto dal piano regolatore del Comune: un'operazione mai concretizzata.

Non sono ancora chiare le intenzioni dei nuovi acquirenti venuti dagli Emirati Arabi: un punto che vogliono definire presto le istituzioni, manifestando comunque soddisfazione per l'esito dell'asta dopo che le precedenti (dal 2015) erano andate deserte o finite rinviate. "Non appena possibile manifesteremo ai nuovi proprietari la richiesta di garantire, compatibilmente con il loro progetto, la fruibilità pubblica del castello, in quanto rappresenta un simbolo per la nostra comunità", ha affermato il sindaco di Reggello Cristiano Benucci, sottolineando un punto che era già al centro di una mozione approvata dal Consiglio regionale della Toscana.

La svolta è salutata positivamente sia dal Comitato 'Ferdinando Panciatichi Ximenes d'Aragona - Sammezzano' ("Sammezzano non potrebbe reggere altri anni come gli ultimi", afferma il presidente Massimo Sottani), che promuove lo studio e la conoscenza del castello e del parco, sia dal comitato Save Sammezzano, il quale auspica "che questa nuova proprietà sia abbastanza altruista e lungimirante" da prevedere la fruibilità collettiva delle aree" del complesso, oltre "alla sua messa a reddito, a beneficio di chi lo ha ritenuto degno di un così cospicuo investimento"
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Giugno 26, 2017, 10:22:46 pm
La Fiorentina è ufficialmente in vendita

http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2017/06/26/ufficiale-la-fiorentina-e-in-vendita_7e8b304e-8138-4cbe-a8af-39170c20221d.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: ausharvester - Settembre 11, 2017, 05:22:10 pm
http://www.ansa.it/canale_terraegusto/notizie/prodotti_tipici/2017/09/11/ass.british-foods-compra-acetum-leader-balsamico-igp_774259a2-596b-469c-b325-cf6e365c526d.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: dellots - Gennaio 11, 2018, 11:20:36 am
Un bel off topic per una volta:

https://www.milanofinanza.it/news/ferrero-entro-il-fine-settimana-l-annuncio-dell-acquisizione-delle-barrette-usa-nestle-201801111032448051?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: scoppiettante - Gennaio 13, 2018, 10:38:25 am
http://www.affaritaliani.it/cronache/mare-italiano-venduto-alla-francia-406949.html
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: gb68 - Gennaio 13, 2018, 12:49:48 pm
http://www.affaritaliani.it/cronache/mare-italiano-venduto-alla-francia-406949.html
http://www.butac.it/renzi-cede-il-mare-alla-francia/
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: scoppiettante - Gennaio 13, 2018, 02:14:12 pm
A parole si può negare l'evidenza finché si vuole, ma i pescherecci italiani in quel mare non ci possono più andare. E' diventato francese.
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: dellots - Settembre 24, 2018, 04:43:06 pm
http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/versace-media-verso-la-vendita-a-un-gruppo-usa-per-2-miliardi-dollari-_3165035-201802a.shtml
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: trading2012franco - Settembre 24, 2018, 06:42:55 pm
http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/versace-media-verso-la-vendita-a-un-gruppo-usa-per-2-miliardi-dollari-_3165035-201802a.shtml (http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/versace-media-verso-la-vendita-a-un-gruppo-usa-per-2-miliardi-dollari-_3165035-201802a.shtml)


già...
la fuga continua....


https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/09/24/versace-diventa-americana-ce-laccordo-con-michael-kors-che-crolla-in-borsa/4645988/ (https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/09/24/versace-diventa-americana-ce-laccordo-con-michael-kors-che-crolla-in-borsa/4645988/)


resteranno solo le banche fallite e i carrozzoni di Stato
Titolo: Re:Vendesi Italia
Inserito da: trading2012franco - Settembre 27, 2018, 09:14:46 am
si chiude e si va altrove...
pare che siano le inevitabili leggi del mercato.....
http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2018/09/25/chiude-fabbrica-del-caffe-hag_atLY44Mh99ftodp707YMCN.html